menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preso il rapinatore di San Mauro: dopo il colpo aveva offerto l'aperitivo

Gli accertamenti hanno portato al rinvenimento ed al sequestro di una pistola a salve di marca, un taglierino, una mountain bike, un telefono cellulare e vari indumenti personali.

Assicurato alla giustizia il responsabile della rapina messa a segno venerdì scorso alla filiale di San Mauro Pascoli della Banca di Cesena. Si tratta di un 33enne di nazionalità albanese, disoccupato e già noto alle forze dell'ordine, con sentenza di condanna, già passata in giudicato, proprio per rapina aggravata in concorso e numerosi altri reati contro il patrimonio. Il malvivente aveva colpito negli uffici di via Roma nella tarda mattinata.

In quel momento erano presenti un cliente e un dipendente, al quale il rapinatore aveva intimato di consegnargli tutti i soldi presenti in cassa (5000 euro, tutti in pezzi da 50). Ottenuto il bottino, si era dileguato in sella ad una bicicletta. Le immediate ricerche effettuate dal Nucleo Operativo e Radiomobile di Cesenatico e dai militari dalla stazione di San Mauro si sono concluse con un nulla di fatto. Contemporaneamente sono scattate le indagini, facilitate anche dalla precisissima descrizione del rapinatore effettuata dai testimoni presenti.

Il lavoro degli inquirenti si è focalizzato sul 33enne. E' stato così organizzato un pattugliamento nei luoghi abitualmente frequentati dall'extracomunitario, culminato con il suo rientro in casa nel tardo pomeriggio. Gli accertamenti hanno portato al rinvenimento ed al sequestro di una pistola a salve di marca, un taglierino, una mountain bike, un telefono cellulare e vari indumenti personali.

I Carabinieri hanno accertato che il 33enne dopo il colpo aveva offerto un aperitivo ad altre persone pagando con una banconota da 50 euro e poi il fatto di essersi recato subito dopo a Rimini (in tasca aveva ancora il biglietto del treno con la relativa convalida). Quest’ultimo elemento ha rafforzato l’ipotesi del pericolo di fuga. Il giudice ha convalidato il fermo, confermando la custodia cautelare in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento