Raid contro i tifosi del Cesena, il sindaco Lucchi ringrazia il Questore di Cagliari

"Gli eventi sportivi devono essere esclusivamente momenti di festa", ha affermato il sindaco di Cesena Paolo Lucchi nella lettera inviata al Questore di Cagliari Filippo Dispenza

Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi ha scritto al Questore di Cagliari Filippo Dispenza, per esprimergli l'apprezzamento per il suo operato, dopo l’attacco di alcuni ultras del Cagliari ai danni di un gruppo di tifosi di Cesena in trasferta nel capoluogo sardo. "Ho letto le dichiarazioni da lei rilasciate dopo il ‘vile attacco’ (come lei stesso l’ha definito) subìto da un gruppo di tifosi cesenati in trasferta a Cagliari, e desidero manifestarle il mio apprezzamento per il suo intervento netto nel condannare il gesto e nell’impegnarsi ad individuare e perseguire i responsabili", esordisce il primo cittadino.

"Le sue sono le parole di un rappresentante dello Stato che non ha paura di esprimere con forza tutto il proprio sdegno e di mettersi in gioco in prima persona e di questo - esprimendo un sentimento che in questo momento so essere comune a tanti cesenati - la ringrazio molto - continua Lucchi -. Nelle sue parole ho ritrovato anche lo stesso atteggiamento e le stesse convinzioni che animano le istituzioni cesenati: gli eventi sportivi devono essere esclusivamente momenti di festa, a cui famiglie, bambini, ragazzi, appassionati, possono partecipare in tutta sicurezza, con la sola prospettiva di divertirsi e di trascorrere ore serene. Proprio sulla base di queste convinzioni e nel segno della massima ospitalità - con il controllo professionale ed attento del Questore di Forlì-Cesena, Salvatore Sanna  e grazie all’impegno diretto del locale Coordinamento Club Forza Cesena -, anche in questi mesi di rinnovata serie A, a Cesena abbiamo organizzato l’arrivo e la sistemazione delle tifoserie ospiti".

"Sono convinto che questo sia l’unico approccio possibile al calcio e che i tifosi del Cesena, come quelli del Cagliari e di tutte le altre squadre, lo condividano; assieme dobbiamo impedire che, per colpa di pochi facinorosi, capaci di esprimersi solo con la violenza, le partite di calcio si trasformino in problemi di ordine pubblico anziché essere occasioni di svago all’insegna dei più sani valori dello sport - conclude il sindaco di Cesena -. Nel ringraziarla per quello che ha fatto, auspico che riesca ad individuare e ad isolare al più presto i responsabili del gesto di domenica scorsa e le faccio i miei migliori auguri di buon lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento