Raggirano un'anziana all'uscita del supermercato e le rubano il denaro dal bancomat: terzetto denunciato

Hanno organizzato un raggiro molto ben architettato ai danni di un'anziana, ma il lavoro di indagine del Commissariato di polizia è riuscito a individuare il terzetto che ha colpito la donna di 88 anni

Hanno organizzato un raggiro molto ben architettato ai danni di un'anziana, ma il lavoro di indagine del Commissariato di polizia è riuscito a individuare il terzetto che ha colpito la donna di 88 anni all'uscita da un supermercato. Il tutto si è verificato lo scorso mese di febbraio, quando la vittima era appena uscita dal supermercato Conad di Ponte Abbadesse. Con il classico stratagemma delle monetine i malviventi hanno distratto l'anziana: di fatto hanno gettato in terra degli spiccioli per far credere alla donna di aver perso dei soldi dalle tasche. Pochi istanti di distrazione nei quali i ladri hanno aperto la portiera dell'auto e preso la borsa che l'anziana aveva già messo in macchina. 

Ma l'azione dei criminali ha avuto anche un "secondo tempo". Dopo essersi impossessati degli effetti personali della vittima, non si sono accontentati del denaro contante. Nel gruppo vi era anche una donna, che si è finta agente di polizia municipale e spiegando all'anziana di aver rinvenuto la borsa rubata poco prima, è riuscita a carpire la sua buona fede e farsi indicare il codice pin del bancomat. Ed è così che il terzetto è riuscito a impadronirsi in modo fraudolento anche di 1.500 euro dall'erogatore automatico di denaro. L'anziana si è insospettita poco dopo della richiesta, ma quando ha chiamato in banca per bloccare il bancomat il prelievo era stato purtroppo già fatto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con il riscontro sul traffico telefonico e le immagini di videosorveglianza della banca, alla fine la Polizia è riuscita a identificare una donna, siciliana residente a Bologna, il suo compagno tunisino e un amico della coppia, anch'egli tunisino. Tutti e tre sono accusati a piede libero di furto e indebito utilizzo di carte di credito. La refurtiva non è stata recuperata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento