rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Sangue, in estate la raccolta non "va in vacanza". "Per il terremoto rivolgersi alle Avis territoriali"

Entrando nel dettaglio, in questi primi sette mesi dell’anno, nel cesenate le donazioni di sangue sono state 5.915 (286 in più rispetto allo stesso periodo del 2015)

Sono state 31.837 le donazioni di sangue effettuate in Romagna da gennaio a luglio di quest’anno, 23 in più rispetto allo stesso periodo del 2015, in cui le donazioni effettuate erano state 31.814. E’ invece complessivamente diminuito l’utilizzo del sangue, che dalle 28.794 unità di globuli rossi concentrati del 2015 passa alle 28.455 del 2016, con un risparmio di 339 sacche. Sono i dati forniti dal Programma Sangue Plasma dell’Ausl della Romagna, che traccia il bilancio di attività dei primi sette mesi dell’anno, invitando i donatori abituali e nuovi a rinnovare un piccolo ma prezioso gesto di solidarietà, soprattutto in estate, periodo in cui notoriamente si registra una minor disponibilità di donazione a fronte di una richiesta di sangue spesso maggiore.

Entrando nel dettaglio, in questi primi sette mesi dell’anno, nel cesenate le donazioni di sangue sono state 5.915 (286 in più rispetto allo stesso periodo del 2015). Per quanto riguarda i consumi, si registra un incremento a Cesena (dalle 4.187 unità di globuli rossi concentrati del 2015 si passa alle 4.214 del 2016). I nuovi donatori, nel 2015, sono stati 5.885 i romagnoli che si sono presentati nei Punti di Raccolta con il desiderio di donare il proprio sangue e di questi sono stati sottoposti per la prima volta alla donazione in 4.279. Complessivamente, il territorio dell’Ausl della Romagna ha potuto contare nell’anno 2015 su 31.639 donatori periodici.

Dall’analisi di questi dati emerge una situazione complessivamente stabile del sistema sangue dell’Ausl della Romagna che, grazie alla preziosa collaborazione tra Servizi Trasfusionali e Associazioni/Federazioni di volontariato romagnole e alla sensibilità dei donatori, riesce a garantire l’autosufficienza romagnola. Per mantenere questa condizione è necessaria comunque la continua disponibilità dei donatori, il lavoro costante delle associazioni di volontariato e una continua opera di monitoraggio e raccolta dati: l’obiettivo è di continuare a garantire l’autosufficienza territoriale e concorrere all’autosufficienza regionale. Ecco perché, ringraziando tutti coloro che donano periodicamente sangue a chi ne ha bisogno, l’Ausl della Romagna invita comunque tutti i potenziali donatori a donare il proprio sangue.

In particolare a seguito del terremoto del centro-Italia, i donatori abituali saranno contattati, al bisogno, dalle varie Avis territoriali, alle quali sono tenuti a rivolgersi anche i non donatori che intendessero diventarlo, fermo restando che – a tutela del donatore stesso e dei destinatari del sangue – la donazione dovrà essere preceduta dalle apposite procedure cliniche. Circostanze drammatiche come questa dimostrano, peraltro, quanto sia importante avere una rete forte e ampia di donatori abituali, si rinnova perciò l’invito, a chi già non lo è, di diventare donatore di sangue. Per avere informazioni sull’iter, sui punti di raccolta e sulle giornate e orari di apertura è possibile consultare online i seguenti siti associativi: www.aviscesena.it; www.avis.it/forlì; www.avis.it/rimini; www.avis.it/ravenna; e www.fidasravenna.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sangue, in estate la raccolta non "va in vacanza". "Per il terremoto rivolgersi alle Avis territoriali"

CesenaToday è in caricamento