Raccolta rifiuti, il porta a porta arriva a Villamarina e Valverde

Prosegue così l’ampliamento del sistema porta a porta nei quartieri di Cesenatico, con l’obiettivo di raggiungere il 70% di raccolta differenziata su base comunale come imposto dalla legge regionale 16/2015

Per il 2018 è pronto un progetto di ampliamento del sistema di raccolta porta a porta nel territorio comunale di Cesenatico. Dopo la partenza, nel settembre scorso, dei quartieri di Madonnina-Santa Teresa e Cannucceto, l’amministrazione comunale ha definito, insieme ad Hera, lo start-up di ulteriori due quartieri: Villamarina e Valverde.

Prosegue così, in piena sintonia con le linee di mandato della Giunta Gozzoli, l’ampliamento del sistema porta a porta nei quartieri di Cesenatico con l’obiettivo di raggiungere il 70% di raccolta differenziata su base comunale come imposto dalla legge regionale 16/2015. A tal proposito l’assessore regionale all’Ambiente Paola Gazzolo ha scritto a tutti i Comuni per comunicare i dati relativi alla raccolta differenziata per l’anno 2016. La percentuale di raccolta differenziata per il 2016 è stata pari al 41,1%, con un lieve aumento rispetto al 2015 che aveva visto un dato pari al 40,02%. "Un aumento che tuttavia non può soddisfare - spiegano dal Comune - Cesenatico è 29 punti percentuali al di sotto della soglia del 70% di differenziata fissata dalla legge regionale, gap che va ridotto nel prossimo biennio aumentando la raccolta differenziata attraverso diverse azioni di sensibilizzazione; su tutte la modalità di raccolta porta a porta e in parallelo gli incontri e le iniziative con le associazioni di categoria, i comitati di zona e le scuole".

Già a settembre 2017 erano partiti i primi due progetti di porta a porta a Madonnina-S.Teresa e Cannucceto. 2.000 le utenze coinvolte con i primi dati di raccolta molto incoraggianti. Tuttavia per il 2017 i dati provvisori forniti da Hera, seppur incompleti e provvisori, raccontano di una forte differenza tra le percentuali di raccolta differenziata registrate in inverno, primavera e autunno, con un livello di raccolta differenziata sopra al 40%, mentre in estate la soglia si abbassa anche sotto al 35%. Da qui la scelta dell’amministrazione di accelerare e individuare come priorità l’allargamento del porta a porta in zone turistiche, ad alta intensità di attività stagionali proprio per rispondere alla necessità di migliorare i dati della differenziata. Entro l’estate (maggio-giugno) partirà quindi la raccolta porta a porta sia a Villamarina che a Valverde con le seguenti modalità: porta a porta integrale con scomparsa delle isole ecologiche nelle zone a mare della ferrovia da viale delle Nazioni fino a viale Dante e porta a porta misto (stesso modello già sperimentato a Madonnina-Santa Teresa e Cannucceto con ritiro domestico di indifferenziata e umido) nella zona a monte della ferrovia da viale delle Nazioni fino alla zona artigianale di Villamarina e fino alla statale Adriatica. Ad essere coinvolte saranno 4748 così suddivise: zona Mare: 3434 utenze domestiche e 463 utenze non domestiche, zona residenziale: 827 utenze domestiche e 24 utenze non domestiche. Speciali isole ecologiche mobili saranno previste da Hera per rispondere alle esigenze delle numerose seconde case presenti nei due quartieri turistici.

“Dopo i primi progetti del 2017 era necessario implementare il porta a porta – spiega l’assessore all’ambiente Valentina Montalti – per cercare di raggiungere gli obiettivi fissati dalla legge regionale. Allo stesso tempo, vista anche la partenza del porta a porta a Gatteo a Mare nell’estate scorsa, abbiamo ritenuto utile far partire le zone di Villamarina e Valverde per annullare i disagi che già dal luglio scorso si erano verificati a causa della migrazione dei rifiuti tra i due Comuni. Infine si implementerà la raccolta dell'organico con il terzo passaggio estivo anche nei quartieri di Madonnina, Santa-Teresa e Cannucceto”. “Ci rendiamo conto – spiega il sindaco Gozzoli – che si tratta di un cambiamento significativo, ma ritengo che la scomparsa delle isole ecologiche (spesso oggetto di abbandono di rifiuti) e l’implementazione del servizio dedicato porta a porta, aumenterà la qualità dei servizi e anche dell’offerta turistica della zona.  L’obiettivo fissato è quello di essere pronti a partire tra maggio e giugno, da marzo partirà la campagna informativa a cura di Hera e degli uffici comunali e coinvolgeremo associazioni di categoria, cittadini, imprenditori e amministratori di condominio. Già nei giorni scorsi abbiamo incontrato e informato il comitato di zona di VIllamarina-Valverde e ho scritto una lettera a tutte le associazioni di categoria spiegando che soprattutto per le strutture alberghiere le modifiche saranno minime. Aumentare la differenziata non è solo un’azione di civiltà, ma è anche un passo fondamentale per spendere meno come Comune nella raccolta dei rifiuti, è l’indifferenziata infatti a pesare sui conti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

Torna su
CesenaToday è in caricamento