rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Cronaca Savignano sul Rubicone

La raccolta domiciliare riguarda tutti i tipi di rifiuti, ora sui bidoncini arriva il bollino giallo: caccia agli errati conferimenti

Il bollino giallo è uno dei sistemi studiati per migliorare la raccolta differenziata e combattere gli abbandoni, un tema molto sentito che rappresenta una delle richieste più frequenti durante le riunioni serali organizzate da Hera

A supporto del cittadino, uno strumento per la corretta differenziazione dei rifiuti: nei prossimi giorni gli operatori Hera apporranno i cosiddetti “bollini gialli” sui contenitori e sui sacchetti con anomalie, per avvisare il cittadino che deve apportare modifiche sul proprio conferimento

Un ‘bollino giallo’ per informare di un errato conferimento

Nei prossimi giorni diventa operativo anche a Savignano sul Rubicone il servizio di controllo previsto al termine del programmato periodo di rodaggio del sistema di raccolta porta a porta integrale avviato nel territorio comunale nell’estate 2021. Il bollino giallo è uno dei sistemi studiati per migliorare la raccolta differenziata e combattere gli abbandoni, un tema molto sentito che rappresenta una delle richieste più frequenti durante le riunioni serali organizzate da Hera in collaborazione con le Amministrazioni comunali.

Per dare una risposta concreta a questa esigenza, l’attività di raccolta rifiuti porta a porta prevede innanzitutto la verifica da parte dell’operatore Hera della correttezza del conferimento e della qualità del materiale, secondo quanto stabilito dal regolamento. Questa attività è particolarmente importante nei periodi iniziali di attivazione di nuovi sistemi di raccolta, che inevitabilmente vanno ad impattare sulle abitudini dei cittadini, come nel caso di Savignano, interessato dal sistema domiciliare integrale, che riguarda cioè tutti i tipi di rifiuti.

I livelli di controllo per migliorare la raccolta differenziata

Il primo livello di controllo della correttezza della raccolta differenziata è quello effettuato dall’operatore, che applica un bollino giallo, che è un “bollino adesivo per errato conferimento” apposto sul manico del bidoncino nel caso in cui venga riscontrata un’inesattezza nel differenziare i rifiuti.

L’obiettivo dell’adesivo giallo è quello di accompagnare gli utenti verso una corretta esposizione del rifiuto. Per segnalare agli utenti le eventuali non conformità rilevate, sul bollino attaccato al manico del bidone viene posta una X in corrispondenza della voce relativa alla non conformità. I casi sono diversi: esposizione del rifiuto in contenitore non corretto, esposizione nel giorno sbagliato, raccolta differenziata non corretta, mancato ritiro del bidone dopo lo svuotamento, conferimento di quantità superiori rispetto a quelle consentite di rifiuto indifferenziato, conferimento di rifiuto non consentito (es. ingombranti).

Al secondo bollino giallo, il rifiuto erroneamente preparato non verrà ritirato e dovrà essere cura de cittadino ripetere l’operazione, secondo le regole note.

Un altro livello di controllo riguarda la prevenzione dell’abbandono dei rifiuti ed è rappresentato dall’azione di agenti accertatori, formati e autorizzati all’apertura dei sacchi. Gli stessi agenti possono anche redigere un verbale sanzionatorio, che poi verrà trasmesso alla Polizia locale per l’invio della sanzione all’utente. Nelle situazioni più critiche potranno anche essere installate foto-trappole.

“Queste attività di controllo sono fondamentali per migliorare il servizio e per aiutare i cittadini in questo importante percorso di transizione – afferma l’Assessore alla Raccolta e allo smaltimento dei rifiuti Natascia Bertozzi -. Allo stesso tempo servono a contrastare l’abbandono del rifiuto, che danneggia tutta la comunità. Savignano ha deciso di raccogliere la sfida dei rifiuti in maniera “integrale”, cioè con una raccolta di tutti i tipi di rifiuti presso il domicilio. La riorganizzazione del servizio mira ad aumentare la separazione dei rifiuti – per Savignano è raggiungere il 75% di raccolta differenziata secondo quanto stabilito dal Piano Regionale dei Rifiuti - per recuperare quantità sempre maggiori di materiali riciclabili, come organico, plastica, vetro, carta, che restano risorse preziose per l’ambiente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La raccolta domiciliare riguarda tutti i tipi di rifiuti, ora sui bidoncini arriva il bollino giallo: caccia agli errati conferimenti

CesenaToday è in caricamento