rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca

Quartiere Novello, varato il fondo immobiliare per 340 alloggi a prezzi calmierati

E proprio in vista del dibattito consiliare, il Sindaco Paolo Lucchi, il Vicesindaco Carlo Battistini e l’Assessore alle Politiche di qualificazione urbana Orazio Moretti scrivono ai consiglieri comunali per riepilogare le tappe del percorso

Ormai in dirittura d’arrivo il percorso amministrativo per l’avvio del progetto per i 340 alloggi di social housing previsti nel futuro quartiere Novello. Nei giorni scorsi la Giunta di Cesena ha dato il via libera alla sottoscrizione del Fondo Immobiliare Novello e ora la delibera attende di essere esaminata dal Consiglio comunale nella prossima seduta.

E proprio in vista del dibattito consiliare, il Sindaco Paolo Lucchi, il Vicesindaco Carlo Battistini e l’Assessore alle Politiche di qualificazione urbana Orazio Moretti scrivono ai consiglieri comunali per riepilogare le tappe del percorso e, soprattutto, rimarcare l’obiettivo di questa operazione, che sono, secondo una nota, “dare risposta alle esigenze abitative di Cesena e, in particolare, a quelle di famiglie con bambini, giovani, anziani con un reddito medio o basso, che incontrano sempre maggiore difficoltà a reperire un alloggio adeguato a costi abbordabili sul libero mercato. Con la sottoscrizione del Fondo Immobiliare, Cesena sarà la terza città della nostra Regione, dopo Parma e Bologna, a dotarsi di alloggi di housing sociale”.

L'ITER - Il Consiglio Comunale di Cesena ha avviato nel luglio 2008 la costituzione della Società di Trasformazione Urbana “Novello spa” per l’attuazione delle previsioni urbanistiche di cui al Programma di Riqualificazione Urbana denominato PRU Novello, di cui alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 68 del 12 aprile 2006, nonché per la progettazione, realizzazione e commercializzazione di quanto in esso previsto. Dopo aver proceduto fino al 2011 con la sottoscrizione della convenzione tra Comune e STU, con la definizione di uno studio di fattibilità finalizzato alla strutturazione di un Fondo Immobiliare locale per la realizzazione di housing sociale, con l’accordo di programma tra gli enti, con approvazione di variante al PRG e del Piano Urbanistico Attuativo funzionali alla trasformazione dei circa 27 ettari di territorio urbano posto lungo la ferrovia, il Consiglio Comunale nel maggio 2012 ha deciso la costituzione di un Fondo locale immobiliare e con il medesimo atto è stato autorizzata la Novello spa ad avviare la procedura di gara. La procedura di evidenza pubblica è stata aggiudicata a Fabrica Immobiliare SGR spa ad inizio 2013 e la SGR ha successivamente lavorato per definire la strutturazione del Fondo ed al termine ha prodotto un documento che, a seguito della approvazione da parte dell’Amministrazione, è stato sottoposto alla Cassa Depositi e Prestiti.

Il 20 febbraio 2014 infine il Consiglio Comunale ha approvato una mozione proposta dal Sindaco sulla destinazione totale della residenza prevista nel progetto, ad alloggi di social housing. Sebbene nel nostro Paese gli alloggi di housing sociale non superino il 5% del totale delle abitazioni (contro il 20% di Francia e Inghilterra e il 30% di Olanda e Danimarca), esistono ormai anche esperienze italiane significative. In questo momento sono infatti attivi 220 progetti, in diverse Regioni, per un totale di circa 15.000 alloggi previsti. Nella nostra Regione, si sono avviate iniziative a Parma (852 alloggi), a Bologna (333 alloggi) e, come noto, a Cesena, con i 340 alloggi previsti nel progetto Novello.

L'INTERVENTO - L’intervento interessa un'area di circa 27 ettari, collocata tra la stazione ferroviaria, la zona Vigne, la via Ravennate e l’ex mercato ortofrutticolo, con circa 31.000 mq di superficie utile lorda su cui si andranno a realizzare circa 340 appartamenti di social housing la cui dimensione media è di circa 75 mq. L’intento è quello di abbattere i costi di mercato: per le locazioni, infatti, sono previsti canoni di 5,5 euro/mq per mese (contro valori di mercato che, stando ai dati dell’Agenzia del Territorio, vanno da un minimo di 7,3 ad un massimo di 9,3 euro/mq per mese), mentre per la vendita il valore convenzionato si attesta sui 1.850 euro/mq, contro un valore di mercato che oscilla fra i 2.200 e i 2.500 euro/mq. È facile quindi constatare come un alloggio di medie dimensioni (75 mq) potrà essere affittato per 412 euro mensili (contro un minimo di mercato di 547 euro per mese), oppure acquistato a 138.000 euro (contro un minimo di mercato di 165.000 euro).

Oltre all’affitto e all’acquisto, infatti, viene prevista anche lo strumento dell’affitto con riscatto (il cosiddetto rent to buy). Concludono dal Comune: “Ai primi due importantissimi aspetti – quello della riqualificazione urbana di un pezzo di area dismessa e quello degli alloggi sociali a basso costo – si aggiunge un terzo altrettanto rilevante punto di forza del progetto: l’attenzione alla qualità del costruito, a quella urbana e della sostenibilità ambientale, legata ad un’occasione unica di lavoro per le imprese del nostro territorio attive nella filiera edilizia ed alle loro professionalità. La scelta, infatti, sarà quella di non avere un unico general contractor che si occupi di tutte le parti della costruzione, ma di selezionare gli esecutori delle singole parti con procedure trasparenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quartiere Novello, varato il fondo immobiliare per 340 alloggi a prezzi calmierati

CesenaToday è in caricamento