Quaranta candeline sulla festa dell'oratorio di Tomba

Da quando il parroco don Egisto Battistini, ore defunto, invogliò alcuni ragazzi ad animare la festa dell’Oratorio della Madonna Addolorata e da allora la festa è cresciuta e si è mantenuta nel tempo.

Tomba taglia il nastro. Raggiunto il traguardo dei quarant’anni. Da quando il parroco don Egisto Battistini, ore defunto, invogliò alcuni ragazzi ad animare la festa dell’Oratorio della Madonna Addolorata e da allora la festa è cresciuta e si è mantenuta nel tempo. Quel gruppo di giovani sono rimasti uniti e ancora oggi, ormai arrivati alla mezza età, portano avanti questa iniziativa annuale. Solo chi è stato a “Tomba” può capire l’unicità e la bellezza di questo luogo, anche se il nome non è molto attraente. E’ l’oratorio della Tomba, una chiesetta privata, della famiglia Marini, e ogni anno viene festeggiata la patrona, la Vergine Addolorata. Il caseggiato e la piccola chiesetta riprendono vita. Giovedì 8 si è concluso il Triduo di preparazione, svolto anche martedì e mercoledì, con Santo Rosario e canto delle litanie, con la melodia così cara alla gente di questa zona, alle 20.30. Vista la straordinaria partecipazione di popolo, da due anni si è  voluti iniziare i festeggiamenti già nella serata di venerdì 8, con apertura stand gastronomico con specialità di crescioni zucca e patate, piadina con affettati misti. Alle 21 animazione con “David Pacini Band”. La maccheronata gratuita è prevista per le ore 23. Sabato alle 19 apertura stand con specialità di birra, piadina e salsiccia, piadina con affettati misti e fornarina cotta in forno a legna. Dalle 19 suoneranno i gruppi Leskee Gooda, litfiba tribute band che animeranno la serata dedicata ai giovani in collaborazione col BAR….RINO di Sarsina. Domenica 11 settembre alle 15.30 messa solenne all’aperto e processione, apertura della pesca di beneficenza, pentolaccia gratuita per tutti i bambini. Alle 17 apertura dello stand con piadina, fornarina cotta in forno a legna e crescioni zucca e patate. Allieterà il pomeriggio e la serata l’orchestra “Edmondo Comandini”.Due animatrici faranno divertire tutti i bambini,”.

Sarà allestita anche una mostra fotografica con le foto delle feste degli anni passati. Il piccolo oratorio privato, addossato all’antico palazzo padronale attorniato da costruzioni più recenti, venne costruito nel 1792 dalla famiglia Baldassarri per riuscire a partecipare più di frequente all’Eucarestia, in quanto era difficile recarsi d’inverno nella parrocchiale di Pagno che dista 3,5 km , con un dislivello di quasi 400 metri . Nel 1935 la famiglia Marini, attuali proprietari, acquistarono tutto il grande edificio e la chiesetta dalla famiglia Giannini. L’ultimo intervento di restauro che ha interessato la chiesa e il primo piano dell’edificio è del 1999. Nel 2007 viene donato alla chiesetta un originale dipinto a olio su tavola della Madonna con Bambino, di notevole dolcezza. Viene spontaneo chiedersi il perchè la località si chiami Tomba, che farebbe pensare al luogo di sepoltura di un personaggio importante. Il motivo è un altro, lo apprendiamo dal volume “Romagna” di Emilio Rossetti, dove vi si legge che “Tomba” significa possedimento o tenuta con casa padronale, anche circondato da siepi e fossato, un inizio di castello. C’è ancora una piccola torre di difesa. Una trentina di volontari tra cui molti giovani, dal 1977 appunto si passano il testimone di padre in figlio per continuare questa occasione di ritrovo molto cara a tutta la vallata, anche perché è l’ultima festa dell’estate: un ultimo baluardo prima della ripresa della scuola e delle attività lavorative. In modo ineguagliabile guida il gruppo il giovane Paolo Bartolini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento