Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Quando si facevano le "ottobrate", il monaco dell'Abbazia del Monte apre il libro dei ricordi: l'incontro

"Anche al Monte di Cesena - racconta ancora Don Giustino - si faceva la vendemmia. E avevamo mantenuto la tradizione di fare le ottobrate di un pomeriggio o di una giornata intera"

Chi ha mai sentito parlare di "ottobrate"? Le più note sono quelle romane, ovvero gite domenicali che si svolgevano a Roma nel mese di ottobre fino ai primi decenni del 1900. Erano, praticamente, delle vere e proprie giornate di festa, grazie anche al clima favorevole - fresco ma limpido - in cui gli uomini e le donne sceglievano i loro vestiti migliori e si divertivano con giochi (come bocce, ruzzola o altalena), balli, canti, stornelli, bevendo e mangiando ottime pietanze cucinate per l'occasione.

E visto che le antiche tradizioni hanno sempre qualcosa di affascinante e di buono, ogni tanto è giusto anche riproporre. A parlarne sarà, giovedì 14 ottobre al ristorante da Baldo, in viale Marconi, Don Giustino Farnè, che è stato 40 anni all'Abbazia del Monte come giovane monaco e poi sacerdote e, dopo aver ricoperto ruoli importanti come direttore della libreria a Roma, con Papa Giovanni II, e aver trascorso 14 anni come abate a Pontida, dove ha ricevuto Craxi e Bossi, attualmente dirige l'Archivio Storico dell'Abbazia di San Pietro a Perugia. Oltre a questo importante incarico ha mantenuto il ruolo anche di l'amministratore del centro storico benedettino del Monte di Cesena. "Sono nato e cresciuto a Cesena - spiega don Giustino - e ci torno sempre molto volentieri". E quando torna, infatti è atteso con grande piacere dagli amici che non vedono l'ora di ascoltare i suoi racconti. L'incontro di giovedì, infatti, è già sold out. "Una volta le vacanze si facevano alla fine della vendemmia, in ottobre - spiega don Giustino - In questo periodo ci sono giornate di sole meravigliose. E' bellissimo passeggiare. Giovedì, inoltre, a Roma, moltissimi anni fa, non c'era scuola. E così i più ricchi potevano andare a Roma, a Firenze e a Napoli, mentre noi poveri italiani stavamo a Roma e si andavano a visitare i parchi, i giardini, i monumenti".

"Anche al Monte di Cesena - racconta ancora Don Giustino - si faceva la vendemmia. E avevamo mantenuto la tradizione di fare le ottobrate di un pomeriggio o di una giornata intera. I monaci erano liberi di fare una camminata a Rio eremo o a Rio marano. Poi c'è stato un periodo che avevamo qualche soldino in più e andavamo ad affittare le biciclette dalle 14 alle 18, e così, in sella alla bicicletta, arrivavamo fino a Polenta. Erano giornate in cui avevamo il piacere di conoscere luoghi bellissimi e vicini a noi, ma spesso sconosciuti. Poi sono arrivati gli anni Sessanta e Settanta. Abbiamo continuato a fare le ottobrate qui al Monte ma erano i parroci che ci venivano a prendere con le auto. Si caricavano i monaci in auto e via che si andava a Loreto, Faenza, Ravenna. Ci portavamo la merenda dietro e andavamo a visitare un monumento. E se poi c'erano le suore da andare a visitare, apprezzavamo anche un buon rosolio, un liquore fatto da loro. Erano piccole gioie di giornate bellissime". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando si facevano le "ottobrate", il monaco dell'Abbazia del Monte apre il libro dei ricordi: l'incontro

CesenaToday è in caricamento