Pubblicità sul sito internet, nessuna infrazione per Amadori. Ma il sito verrà modificato

Nessuna infrazione è stata accertata dall’autorità preposta al corretto funzionamento dei mercati, compresa la veridicità della comunicazione pubblicitaria

E' giunta a conclusione il controllo dell' Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato sulla comunicazione di Amadori che nel suo sito internet.  Nessuna infrazione è stata accertata dall’autorità preposta al corretto funzionamento dei mercati, compresa la veridicità della comunicazione pubblicitaria. Spiega una nota di Amadori:  “La stessa istruttoria condotta dall’AGCM ha confermato che i livelli di qualità che caratterizzano le linee di eccellenza degli allevamenti Amadori (Pollo Qualità 10 + e Pollo Il Campese) sono conformi ai parametri fissati da Unaitalia e certificati da un ente terzo”.

A sollevare il caso era stata l'Enpa, associazione animalista che riteneva ingannevole il sito internet del Gruppo Amadori nella parte delle comunicazioni commerciali con cui Amadori. “Si pubblicizzava il proprio impegno a tutela del benessere animale, vantando un 'trattamento di favore' - spiega l'Enpa in un comunicato - per tutti gli animali dei suoi allevamenti. Invece si  riferisce  esclusivamente a due prodotti di nicchia – il “Pollo Campese” e “Pollo Qualità 10+” – e, di conseguenza, non doveva essere esteso all’intera filiera”.

In ogni caso il sito internet di Amadori verrà modificato. Continua la nota di Amadori: “L’azienda ha comunque avviato un confronto costruttivo con le istituzioni con l’obiettivo di migliorare ulteriormente la chiarezza dei messaggi del proprio sito internet aziendale sul benessere animale e, pur ritenendo di aver già adempiuto ad ogni dovere di chiarezza di informazioni verso il consumatore, ha accolto le indicazioni di AGCM e fatto integrazioni alla pubblicazione online”.

Diversa la visione di tali modifiche da parte di Enpa: “Amadori ha presentato una proposta di impegni per rettificare le informazioni divulgate sul sito web e sulle brochure, e ha iniziato a modificare layout grafico, immagini e contenuti. Prendiamo atto di questo intervento. Nei prossimi giorni – spiega l’avvocato Manuela Giacomini che ha rappresentato Enpa – vigileremo anche noi sul rispetto di tali impegni. Se a nostro avviso non sarà stato sufficiente a garantire una comunicazione corretta e trasparente, ci attiveremo per chiedere una riapertura del procedimento”. 

“Aver costretto alla retromarcia un’azienda come la Amadori, con una strategia di comunicazione molto forte, rappresenta un grande successo per Enpa. Soprattutto – commenta la presidente di Enpa, Carla Rocchi –  che in parte rende “giustizia” a quel concetto di benessere animale che molte aziende oggi utilizzano come un jolly per aumentare la penetrazione nel mercato e che non sempre viene applicato alla lettera. Del resto, l’unico modo di proteggere realmente gli animali è quello di non mangiarli”. La replica di Amadori alla presa di posizione di Enpa è secca: “Non si coglie, alcun senso - se non quello di una strumentalizzazione - in questa comunicazione di Enpa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento