Prosegue il “porta a porta” contro la zanzara tigre a S. Egidio e alle Vigne

Ai residenti di S. Egidio e delle Vigne è richiesta la collaborazione nell’accogliere i volontari e l’impegno a dare continuità alle buone pratiche che verranno loro illustrat

Dopo la pausa di Ferragosto, lunedì riprende nel quartiere Cervese Sud, più precisamente nelle zone di S. Egidio e delle Vigne, l’attività di informazione “Porta a porta – Tutti in rete contro la zanzara tigre 2018”.  L’iniziativa è partita in maggio e, grazie al coinvolgimento di un gruppo di volontari italiani e stranieri, mira a diffondere fra i residenti delle due zone i comportamenti più corretti per combattere il fastidioso insetto, migliorando prevenzione e conoscenza. Un’esigenza che si ripropone ogni estate, ma che adesso è diventata particolarmente pressante, dopo i casi di West Nile virus registrati nel territorio romagnolo. Infatti, anche se questo virus è trasmesso dalla zanzara comune (culex pipiens), le modalità di lotta alla proliferazione coincidono con quelli per la zanzara tigre (aedes albopictus).

WEST NILE VIRUS: COME DIFENDERSI E MISURE

Il progetto informativo (che segue quello realizzato due anni fa nel quartiere Fiorenzuola) è promosso e coordinato dal settore Ambiente del Comune di Cesena in collaborazione con i Servizi Sociali, l’Ausl e il Quartiere e con il finanziamento di Arpae, e proseguirà per tutta la stagione estiva, fino a settembre/ottobre, periodo di proliferazione dei focolai di zanzare. I volontari, prima di iniziare questa attività, sono stati addestrati da personale esperto dell’Ausl, che monitora e controlla il loro lavoro.

Muniti di cartellino di riconoscimento e di un ben visibile gilet giallo, i volontari visitano tutte le abitazioni del quartiere e, in particolare, quelle dotate di cortile o giardino, per fornire indicazioni utili e suggerire piccoli interventi e consigli pratici su come limitare la proliferazione di zanzare nei giardini, cortili, aree esterne private; dove possibile, verificheranno la presenza di ristagni d’acqua favorevoli allo sviluppo di focolai larvali e, se necessario, potranno anche effettuare direttamente il trattamento con le pasticche di prodotto antilarvale. Gli operatori non sono autorizzati ad entrare all’interno delle abitazioni private, né a chiedere compensi per l’attività svolta. Ai residenti di S. Egidio e delle Vigne è richiesta la collaborazione nell’accogliere i volontari e l’impegno a dare continuità alle buone pratiche che verranno loro illustrate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento