menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Enrica Lazzari nella foto

Enrica Lazzari nella foto

"Promemoria Auschwitz": a Bagno di Romagna il viaggio della Memoria

"L'amministrazione comunale - afferma l’assessore Enrica Lazzari - è da tempo impegnata a conservare attivamente la memoria della Shoa, attraverso iniziative di vario genere dedicate al tema e promosse in occasione della Giornata internazionale della Memoria"

L'associazione “Centro per la Pace Loris Romagnoli” di Cesena, anche quest’anno ha predisposto il progetto “Promemoria Auschwitz” un progetto di educazione alla cittadinanza pensato per accompagnare le giovani generazioni alla scoperta e alla comprensione della complessità del reale a partire dal passato e dalle sue rappresentazioni, affinché possano acquisire lo spirito critico necessario a un protagonismo nel presente.

L'obiettivo è quello di portare a una conoscenza profonda dell’uomo nel tempo, e le scelte a monte del percorso educativo intendono dotare i ragazzi di alcuni strumenti basilari per poter comprendere la storia che stiamo affrontando. L'associazione ha già collaborato con l'amministrazione durante la Commemorazione dell'Eccidio del Carnaio, portando la loro testimonianza ed esperienza nel percorso e nel progetto intrapreso. "L'amministrazione comunale - afferma l’assessore Enrica Lazzari - è da tempo impegnata a conservare attivamente la memoria della Shoa, attraverso iniziative di vario genere dedicate al tema e promosse in occasione della Giornata internazionale della Memoria. Questo progetto, fa parte di un percorso educativo che inizia già dal prossimo novembre con la parte formativa nell'ambito di incontri laboratoriali legati ad approfondimenti storici, successivamente ci sarà l'esperienza del viaggio nei luoghi dello sterminio e il percorso educativo terminerà con la fase di restituzione dei risultati da parte dei partecipanti".

"Durante questo periodo storico e formativo racchiuso da novembre a luglio, i ragazzi saranno accompagnati dai peer-educator, i quali si occupano di formarli, di mettere in rete e sviluppare le loro capacità, di avere quella cura e quell’attenzione continue che permettano loro di vivere, anche emotivamente, tutta l’esperienza nel modo migliore e più fruttuoso possibile - conclude -. Senza la collaborazione attiva dei genitori del Liceo “A. Righi” nel cercare i contributi e senza il contributo di: Avis di San Piero in Bagno, Ascom, Banca di Credito Cooperativo di Sarsina, Associazione Bellappennino Savio Tevere e Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, non sarebbe stato possibile per tutti e cinque i giovani che hanno fatto domanda di partecipazione del nostro Comune, intraprendere il viaggio che li porta indietro in una storia che ancora ha il sapore dell'attualità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento