menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagno di Romagna, via libera al rinnovamento del servizio bibliotecario comunale

I locali della biblioteca comunale al Palazzo del Capitano sono frequentati da un flusso di utenza oscilla tra le 15 e le 30 unità per ogni pomeriggio di apertura

La Giunta comunale di Bagno di Romagna ha approvato venerdì scorso un progetto di rinnovamento del servizio bibliotecario comunale, che punta all’obiettivo di trasformare la Biblioteca di Palazzo del Capitano da luogo della conservazione a luogo della socializzazione del sapere e dell’identità locale. L’obiettivo del progetto, nel suo complesso, è quello di dare un’identità forte alla Biblioteca all’interno del Sistema Bibliotecario Regionale e Nazionale, attraverso il potenziando e la caratterizzazione delle collezioni presenti, con particolare riferimento alla storiografica locale ed all’arte tosco-romagnola.

Un obiettivo che sarà realizzato con una serie di azioni deliberate dalla Giunta di Bagno di Romagna, tra cui un’importante campagna di catalogazione del patrimonio librario presente e tesa a rendere fruibile la donazione di Orlando Piraccini, portatrice di volumi ad elevato interesse sulla storia locale. Lo spostamento dell’archivio storico in stanze adiacenti alla biblioteca al fine di esporne ed evidenziarne i pezzi di maggior pregio. Un aggiornamento dello stato dei volumi presenti.

Non solo nuova catalogazione. Gli indirizzi della Giunta prevedono anche l’ampliamento della destinazione d’uso dell’archivio storico comunale, affiancando ai consolidati utilizzi per studio e ricerca, una finalità espositiva, chiamata a valorizzare le parti più pregiate della collezione, oltre alla creazione di una sala ragazzi e di un servizio di emeroteca. Il progetto, giunge all’approvazione della Giunta, dopo che l’amministrazione aveva dato mandato ad effettuare una ricognizione dell’utenza ricorrente ed una verifica delle raccolte librarie e documentarie.

"Le verifiche che abbiamo richiesto nei mesi scorsi - dichiarano il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini e l’assessore alla cultura Enrica Lazzari - hanno mostrato che i locali della biblioteca comunale presso Palazzo del Capitano sono frequentati da un flusso di utenza oscilla tra le 15 e le 30 unità per ogni pomeriggio di apertura e che i locali sono impiegati prevalentemente come luogo di consultazione con accesso saltuario ai servizi di consultazione e prestito”.

“E’ da questi dati che siamo partiti per costruire insieme a Ebla, che gestisce il servizio bibliotecario, un progetto per qualificare il patrimonio bibliotecario presente ed allo stesso tempo per differenziare le occasioni di utilizzo della biblioteca stessa. L’obiettivo – precisano il sindaco e l’assessore – è proprio quello di trasformare la biblioteca da un centro di conservazione ad un luogo di scambio e socializzazione, che sia anche l’occasione per i ragazzi di avvicinarsi alla storia locale, attraverso la valorizzazione delle collezioni legate all’identità ed alla storia dei nostri luoghi".

"Quello della storia locale - precisa il sindaco Baccini – è un tema a cui teniamo molto perché crediamo che la conoscenza delle nostre radici sia fondamentale per accrescere nelle giovani generazioni il senso di appartenenza alla propria comunità e così sia anche da stimolo per un maggior impegno sociale e civile all’interno delle dinamiche del territorio".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Un importante alleato in tempi di Coronavirus: il saturimetro

Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento