menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Delitto irrisolto, un altro caso di cronaca nera? No, un progetto a scuola di "Pretendiamo la legalità"

Il progetto è stato presentato alla festa della Polizia alla Biblioteca Malatestiana. Erano presenti anche alcuni rappresentanti delle due classi: Filippo Zamagni, Chiara Campana, Matteo Benini e Mattia Gnani

Tutto ha inizio quando un contadino va a sotterrare il suo cane morto. Nel muovere il terreno trova una donna morta, che poi risulterà essere stata sotterrata viva. Unico indizio un anello a forma di rosa. Questo, per fortuna, non è un fatto di cronaca nera, ma la traccia del progetto a cui hanno lavorato gli studenti della 1A e della 1B dell'Istituto tecnico per Geometri di Cesena insieme alla professoressa di Diritto Concetta Tordi. Il titolo del concorso, indetto a livello nazionale dalla Polizia di Stato, è "Pretendiamo legalità, a scuola col commissario Mascherpa".

Il commissario Mascherpa, solitamente protagonista del fumetto che viene pubblicato sulla rivista della Polizia di Stato, questa volta è stato messo al centro di una storia da far inventare agli studenti delle scuole superiori d'Italia. Tutte le scuole hanno costruito una storia in base agli indizi e poi hanno girato un video. Per ora il video dei cesenati ha superato la fase provinciale ed è passato subito a Roma, a livello nazionale. Una bella soddisfazione. 

"L'impegno è stato notevole - ha spiegato la professoressa Tordi - ma l'esperienza è stata molto interessante per i ragazzi. A dicembre sono venute due poliziotte del Commissariato a spiegarci alcune cose del loro lavoro e noi poi abbiamo inventato la storia, anzi due storie perché le classi che hanno partecipato sono state due, descrivendo in modo molto dettagliato l'attività della polizia investigativa, comprensiva anche degli interventi della Scientifica. I ragazzi, oltre a fare uno sforzo di fantasia mantenendo sempre presente la traccia consegnata, hanno dovuto informarsi su come funziona il lavoro dei poliziotti, capire la differenza tra i vari reparti e apprendere un nuovo linguaggio". Il progetto è stato presentato alla festa della Polizia alla Biblioteca Malatestiana. Erano presenti anche alcuni rappresentanti delle due classi: Filippo Zamagni, Chiara Campana, Matteo Benini e Mattia Gnani.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento