rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

"Cambiamo Marcia", incentivi e nuove piste ciclabili: Cesenatico e Cesena coltivano la cultura della bici

La messa in atto comporterà, da parte dei comuni, un incremento e un miglioramento delle piste ciclabili

Una sinergia, realizzata per la prima volta in Italia sulle tematiche della mobilità sostenibile, tra il comune di Cesena e Cesenatico che permetterà di sviluppare l'uso della bici tanto nell'andare a scuola che nel lavoro e a proposito di questo si potrà ottenere anche un beneficio economico, minimo, ma sicuramente gratificante. Il progetto prende il nome di “Cambiamo Marcia” ed è orientato verso la mobilità sostenibile grazie al finanziamento di un milione di euro (su 35 milioni complessivi in tutta Italia) in base al “Programma Sperimentale Nazionale di Mobilità Sostenibile casa – scuola e casa – lavoro” proposto dal Ministero dell'Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare.

La messa in atto comporterà, da parte dei comuni, un incremento e un miglioramento delle piste ciclabili con la spesa di un milione e 500mila euro a Cesena per due piste ciclabili, comprensive di arredo urbano, che connetteranno varie parti della via Emilia e in viale della Resistenza per collegare fra loro le sei scuole del luogo e il parco dell'ippodromo con il centro urbano per un totale di un chilometro. A Cesenatico l'importo sarà di un milione di euro e interesserà il collegamento tra il quartiere Ponente e il centro per circa due chilometri e 700 metri. Il progetto avrà  durata triennale concludendosi nel 2021 e si muoverà su due direttrici principali: la scuola e il lavoro.

Per quanto riguarda le scuole anche attraverso la figura del Mobility Manager Scolastico (Mms) già in molti plessi presente e grazie alle associazioni dei genitori e degli obiettivi formativi scolastici si attiveranno i servizi Pedibus, per andare e venire da scuola, che saranno ventisette a Cesena e sette a Cesenatico, inoltre per sviluppare nei bambini e negli adolescenti la conoscenza della bicicletta verrà creata una Ciclofficina scolastica all'interno della scuola media di viale della Resistenza a Cesena che fungerà da struttura didattica e logistica per implementare l'uso consapevole della bicicletta nei percorsi casa-scuola e nelle uscite didattiche e gite scolastiche.

Più articolato la parte del progetto orientato a favorire la mobilità sostenibile casa-lavoro. In questo caso l'iniziativa prende il nome di “Al Lavoro in Bicicletta” e prevede un incentivo di 25 centesimi per ogni chilometro percorso da casa al lavoro con un tetto massimo di due euro e mezzo al giorno e di cinquanta euro al mese. L'avvio è previsto per il due luglio e andrà fino al trenta novembre con i bonifici in conto corrente a dicembre. Per iscriversi è necessario scaricare il modulo di adesione dal sito www. cambiamomarcia.it e portarlo all'ufficio protocollo dei rispettivi comuni di residenza, oppure consegnarlo in forma digitale a mezzo pec a questi indirizzi: protocollo@pec.comune.cesena.fc.it per i residenti di Cesena, cesenatico@cert.provincia.fc.it per i residenti nella città rivierasca. Le domande verranno accettate fino all' esaurimento dei fondi stanziati  che sono di diciottomila euro per Cesena e tremila euro per Cesenatico. Si deve essere forniti di smartphone, che dovrà essere sempre portato con sé,  dove verrà scaricata una App per annotare i chilometri percorsi che confluiranno in un tabulato personale dove verrà ricavato l'incentivo e si potrà vedere quanto Co2 non è andato nell'atmosfera.

“Un progetto innovativo - ha detto il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli - che permetterà di rendere ancora più evidente quanto è possibile fare nell'ambito della mobilità sostenibile, per la prima volta in Italia una sinergia tra comuni con gli stessi obiettivi”. “Cesena vanta oltre novanta chilometri di piste ciclabili - ha continuato il sindaco Paolo Lucchi - sempre implementate ad esse verranno aggiunti questi nuovi percorsi previsti nel progetto. Molto importante sono le scuole per fornire una corretta educazione alla mobilità”. “Le scuole sono le dirette interessate - ha sostenuto l'assessora all'ambiente cesenate Francesca Lucchi - le nuove piste ciclabili interesseranno tre scuole elementari e tre scuole medie oltre alla creazione della ciclofficina e agli obiettivi formativi delle singole scuole che prevedono la conoscenza della mobilità sostenibile”. “Una mobilità sostenibile- ha concluso l'assessora cesenaticense Valentina Montalti - che coinvolge  anche chi,  per andare al lavoro,  lascia l'auto o la moto per utilizzare la bicicletta. Ad essi offriamo un piccolo incentivo che sarà uno stimolo in più per aderire al progetto”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cambiamo Marcia", incentivi e nuove piste ciclabili: Cesenatico e Cesena coltivano la cultura della bici

CesenaToday è in caricamento