Un progetto unico in Romagna: cani in classe con i bimbi per imparare a dare del tu agli amici a 4 zampe

Si chiama "I cani educano nelle scuole" il progetto messo a punto da Michela Mengozzi di Hippodog di Cesena (all'Ippodromo) insieme a quattro volontari

A scuola con Rocky. Anzi, oggi lezione la fanno tre simpatici border collie (Iaia, Grace e Angie), il barboncino Lilly, Kira, un rassicurante pastore tedesco, tre golden retriever (Max, Ruby e Petra), due Welsh Corgi molto english (Brown e Happy) e l'anziana del gruppo, la meticcia Camilla di 18 anni suonati. Non è la carica dei 101, ma è il progetto "I cani educano nelle scuole" messo a punto da Michela Mengozzi di Hippodog di Cesena (all'Ippodromo) insieme a quattro volontari e supportato da Giovanni Garoia, presidente dell'Enci (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana di Forlì-Cesena).

"Si tratta di un progetto unico per la Romagna - spiega Michela Mengozzi - in cui l'obiettivo è avvicinare i bambini ai cani, insegnare rispetto degli animali in generale, raccontare come comportarsi con loro e prendere confidenza che, nei bambini, significa aumentare il senso di autostima e di fiducia sia in sè stessi che negli altri". Ad aderire all'innovativo progetto è stata la scuola materna di Ronta e la scuola elementare di Gambettola con 15 classi. Ogni classe trascorrerà 3 ore insieme ai cani, ma soprattutto gli studenti ascolteranno gli esperti che raccontano come avvicinarsi a loro.

"Visto che arriviamo a scuola con i cani, di solito otto o nove - spiega Michela - all'inizio abbiamo trovato anche bambini che si mettevano a sedere sui banchi per paura. Non volevano nemmeno avvicinarsi, poi, con la dovuta cautela e i giusti movimenti, siamo riusciti a creare quel clima di fiducia per cui alla fine dell'ora i bambini erano tutti a sedere per terra insieme a loro, a giocare e ad ascoltarci accarezzandoli. C'è stato anche il momento in cui abbiamo insegnato a portarli a spasso, a cosa fare nel caso si incontri un cane libero da solo, e a come comportarsi per evitare brusche reazioni". 

Oltre a Michela, le lezioni vengono fatte da Giorgia Canali, Monia Rossi, Daniela Piraccini e il 16enne Daniele Giovanardi che, essendo il più giovane, ispira molta simpatia perché viene visto dagli scolari come il loro "fratello maggiore". "Il prossimo anno lo riproporremo sicuramente - conclude Michela - perché, grazie anche alla speciale accoglienza che ci hanno riservato le maestre della scuola materna e della scuola elementare, siamo riusciti a lavorare veramente bene coi bambini, entusiasmandoli, ma soprattutto trasmettendo loro l'amore e il rispetto per tutti gli animali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento