Un Natale di speranza per lo shopping: "C'è più ottimismo"

"Anche per queste festività natalizie - dichiara Cesare Soldati, presidente della Confesercenti Cesenate - riponiamo speranze di riuscire a lavorare proficuamente"

Un Natale di speranza per lo shopping. È ciò che emerge dal focus che si è tenuto presso la Confesercenti di Cesena con un gruppo di operatori della città espressione di diverse merceologie e tipologie di vendita. Da parte degli esercenti commerciali c’è la consapevolezza che in questo periodo non saremo in presenza di forti segnali di ripresa dei consumi tuttavia la percezione che si registra è complessivamente positiva e l’obiettivo è aumentare o almeno mantenere il livello di vendita degli anni precedenti senza ulteriori arretramenti. "Anche per queste festività natalizie - dichiara Cesare Soldati, presidente della Confesercenti Cesenate - riponiamo speranze di riuscire a lavorare proficuamente. Non siamo in presenza di una ripartenza consolidata dei consumi ma la percezione delle imprese è più ottimista di qualche tempo fa e le festività natalizie possono essere un momento utile per dare respiro ai consumi".

"Una concorrenza percepita fortemente - spiega il presidente della Confesercenti Cesenate - è quella delle vendite online che tuttora, in certi casi, rappresentano una competizione sleale in quanto alcuni grandi gruppi beneficiano di sistemi fiscali non paragonabili a quelli delle nostre aziende. Quello delle vendite online è un segmento su cui ci impegneremo nei prossimi mesi, per accompagnare le imprese associate in momenti di formazione per abbinare le vendite tradizionali a quelle sul web". "Uno studio di Confesercenti nazionale - aggiunge la presidente del settore moda Fismo Confesercenti Cesenate, Lina Aitella - stima in 600 euro la spesa di ogni famiglia per regali natalizi. Fra gli operatori la sensazione è che saranno privilegiati i prodotti utili e di lunga durata e che saranno numerosi gli acquisti per regali a basso costo. Anche fra le imprese dei mercati ambulanti c’è attesa e speranza di un miglioramento rispetto agli anni scorsi. Occorre considerare che l’avvio dei saldi previsto il 5 gennaio condizionerà gli acquisti più importanti rimandandoli a dopo le festività natalizie".

"I commercianti di Cesena ed in particolare del centro storico - afferma Lina Aitella - sono soddisfatti degli allestimenti natalizi e delle iniziative programmate. Un salto di qualità è rappresentato dal Capodanno, che anche se non coinvolge direttamente le attività commerciali al dettaglio è sicuramente un passo in avanti come richiamo e visibilità di Cesena. Il concerto dei Nomadi e lo spettacolo di Cevoli sapranno attirare migliaia di persone". "I commercianti di Cesena - conclude Aitella - sono pronti ad affrontare il Natale con la professionalità che da sempre li contraddistingue, capaci di rispondere alle attese dei consumatori con la massima flessibilità e disponibilità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Scampagnata al Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto delle multe, continueremo ad incontrarci"

  • Tante classi in quarantena ed un morto, l'evoluzione del virus nel Cesenate

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento