rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Savignano sul Rubicone

"Pillola del giorno dopo" negata, l'Ausl: "Difetto di comunicazione. Verifiche in corso"

La segnalazione pubblicata sul gruppo Facebook "Obiezione respinta" da un'utente sta continuando a far discutere il popolo degli internauti

Il caso della "pillola del giorno dopo" negata con un cartello dal medico di base continua a far discutere. La segnalazione pubblicata sul gruppo Facebook "Obiezione respinta" da un'utente sta continuando a far discutere il popolo degli internauti. Sulla questione interviene anche l'Ausl, comunicando che "sta effettuando, con gli scarsi elementi a disposizione, le verifiche sull’intero episodio per accertare quando accaduto".

L'Azienda precisa inoltre "che per disposizione dell'Agenzia Italiana del farmaco, a partire dal 4 marzo 2016 è stato modificato il regime prescrittivo della "pillola del giorno dopo", analogamente a quanto era già avvenuto a maggio 2015 per la "pillola dei 5 giorni dopo". Ne deriva che tutte le donne maggiorenni possono acquistare in farmacia la contraccezione d'emergenza senza prescrizione medica. L’obbligo di ricetta rimane invece per le minorenni".

"Non è prevista l’obiezione di coscienza da parte dei medici ed il servizio più idoneo a rispondere su questi temi è il Consultorio Familiare, cui spetta svolgere anche attività di prevenzione ed educazione sanitaria rispetto ai sistemi di contraccezione - conclude l'Ausl -. Verosimilmente nella relazione con la paziente potrebbe essersi generato qualche difetto di comunicazione, situazione della quale l’Azienda si scusa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pillola del giorno dopo" negata, l'Ausl: "Difetto di comunicazione. Verifiche in corso"

CesenaToday è in caricamento