E alla fine Piazza della Libertà riaprì con la moquette verde. Si parte col Cibo di Strada

Non sono stati tagliati nastri o stappate bottiglie ma l'apertura dell'Anteprima del Festival del Cibo di Strada, di fatto, per la città di Cesena segna l'inaugurazione

Non sono stati tagliati nastri o stappate bottiglie ma l'apertura dell'Anteprima del Festival del Cibo di Strada, di fatto, per la città di Cesena segna l'inaugurazione di Piazza della Libertà. Da oggi fino a domenica, infatti, la nuova piazza ospita l'iniziativa culinaria organizzata da Confesercenti Cesenate, Slow Food Cesena, Conservatoire des Cuisines Méditerranéennes ed Eventi in Itinere. Undici stand in tutto, più un punto birra, ben organizzati e pronti per far  assaggiare ottimo cibo da tutta Italia (Palermo, Firenze, Chieti, Ascoli Piceno, Manfredonia, Murgia, Parma e Campania) e anche da qualche angolo del mondo come Messico, Argentina e Giappone. 

Il Festival cesenate da anni è il più imitato in Italia perché è stato il primo, l'autentico. Ad avere la felice intuizione nel 2000 fu Giampiero Giordani di Confesercenti cesenate e Slow Food. "All'inizio abbiamo fatto fatica a spiegare cosa volevamo organizzare perché non esisteva un festival che raccogliesse tutte le eccellenze del cibo di strada - spiega Giordani - ognuno lavorava nel proprio territorio e non aveva mai pensato a  spostarsi. Noi siamo riusciti a convincerli e a mettere insieme il meglio del meglio. Così il Festival è potuto partire riscuotendo un incredibile successo già dalla prima edizione".  Tra quelli che hanno detto sì fin dal 2000, i "fedelissimi", ci sono lo stand del Lampredotto di Firenze e l'Antica Focacceria San Francesco di Palermo, presenti anche in questo fine settimana. 

Durante l'anteprima del Festival (il Festival completo si terrà dal 5 al 7 ottobre 2018) si potranno assaggiare piatti cucinati sul momento e con materie prime eccezionali. Per citare alcuni piatti: ci saranno i veri arrosticini di pecora, i cannoli siciliani, lo gnocco fritto, le olive ascolane, le tapas, i babà, la pastiera, i panzerotti, gli gnumarieddi e le bombette. 

Tra l'altro dopo due anni di assenza da piazza della Libertà (per via dei lavori) il Festival quest'anno fa ritorno nel luogo che ha ospitato più manifestazioni. La prima edizione, infatti, fu in piazza Almerici e poi subito dopo in piazza della Libertà. Solo gli ultimi due anni è stata spostata in piazza del Popolo. Per l'occasione la nuova piazza è stata rivestita con moquette verde e uno strato di nylon nella parte inferiore proprio per evitare di sporcare la nuova pavimentazione. Una novità che sarà molto gradita al pubblico sono le panchine di legno a corredo della nuova piazza che permetteranno agli avventori di mangiare non più in piedi o a sedere sui marciapiedi. Si calcola che nel nuovo arredo possano trovar posto almeno 150 persone, più altrettanti posti ricavati al centro della piazza con tavoli, sedie e ombrelloni. E visto che il meteo parla anche di sole e caldo, pare proprio che questo fine settimana ci siano tutti gli elementi per trasformare Cesena in una grande festa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento