menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza del Popolo si prepara ad ospitare il veglione di capodanno

Un grande palco, con annesso un gigantesco maxi schermo, ospiterà dalle ore 22.30 il complesso dei Nomadi

Fervono i preparativi in piazza del Popolo a Cesena per il Capodanno del 2018. Un grande palco, con annesso un gigantesco maxi schermo, ospiterà dalle ore 22.30 il complesso dei Nomadi (che per l'occasione presenteranno il nuovo album “Nomadi Dentro”) per poi, dopo la mezzanotte, proseguire con gli auguri del sindaco e   l'esibizione del  comico Paolo Cevoli. Le previsioni dicono che non pioverà anche se la media della temperatura di notte sarà sui 5 gradi. Coprirsi bene è d'obbligo, per tutti coloro che vorranno partecipare, lo scorso anno furono quasi tremila i cittadini che assistettero al concerto de “La grande Orchestra della Romagna con Luca Bergamini e Moreno il Biondo”, quest'anno se ne  prevedono molti di più per la presenza di due nomi importanti nel mondo dello spettacolo. A organizzare la serata per la diciannovesima volta sarà l'Associazione “Vivere il tempo” con la collaborazione del comune di Cesena. Il costo complessivo di tutta la manifestazione si aggira sui settanta mila euro completamente coperti dagli sponsor senza oneri, quindi, per l'amministrazione comunale della città. Media partner dell'evento è Radio Bruno.

“Noi Nomadi – dice Beppe Carletti  presenza storica del complesso e suo iniziatore – come longevità  siamo secondi solo ai Rolling Stones, infatti i nostri inizi datano dai primi anni sessanta. Da cinquantacinque anni calchiamo la scena musicale italiana interpretando con le nostre canzoni la storia della nazione, grazie anche alla collaborazione durata tanti anni con Francesco Guccini. Siamo dei menestrelli che non ci siamo mai piegati a voleri precostituiti comunque il pubblico ci segue e la prova è che solo quest'anno abbiamo fatto ottanta concerti, non con numeri stellari di presenti, ma appuntamenti musicali pagati, con un pubblico attento e con sempre nuovi appassionati. Sono stati ben ventitre i musicisti passati nel complesso, chi ci è stato un paio d'anni chi di più, tutti si sono formati e con loro i rapporti sono ottimi anche se presentarsi al pubblico come ex Nomadi e non Nomadi certamente fa la differenza. Tutti musicisti di paese, emiliani, nessuno che proviene dalle grandi città e forse questo ha contribuito, portando ciascuno qualcosa di suo, allo straordinaria longevità del gruppo.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento