rotate-mobile
Cronaca

In tre anni 500 milioni di euro per cambiare il volto dell'E45: "Risanamento profondo per la sicurezza". 21 i cantieri attivi

Quasi 500 milioni di euro in tre anni per cambiare il volto della strada statale 3 bis 'Tiberina' con un piano di investimenti poderoso, che supera la logica delle 'toppe'. A Cesena Fiera il punto sulla E45

Un incontro per "fare il punto" come sottolinea il sindaco di Cesena Enzo Lattuca, su un tema che tocca tanti territori, e tante persone, che percorrono più o meno frequentemente la E45. Una partecipata occasione per illustrare il futuro di questa fondamentale arteria, per quello che riguarda la sicurezza e riqualificazione del tratto romagnolo, che si estende in pratica da Verghereto a Ravenna. Quasi 500 milioni di euro in tre anni per cambiare il volto della strada statale 3 bis 'Tiberina' con un piano di investimenti poderoso, che supera la logica delle 'toppe'. 

Sotto i ferri la galleria 'Lago di Quarto'

Alla Fiera di Cesena presenti per fare il punto sui cantieri il sindaco di Cesena Enzo Lattuca, l'assessore regionale a trasporti e infrastrutture Andrea Corsini, i sindaci dei comuni della Valle del Savio molto interessati come Marco Baccini (Bagno di Romagna), Enrico Cangini (Sarsina) e Monica Rossi (Mercato Saraceno). Ma ad illustrare il piano di attuazione dei lavori sono stati in particolare l'ingegnere Matteo Castiglioni (direttore operativo Anas), e l'ingegnere Aldo Castellari (responsabile della struttura territoriale per l'Emilia Romagna).

"Facciamo il punto - ha esordito il sindaco Lattuca - parliamo di una arteria strategica che collega centro e nord-Italia, per alcuni comuni della Valle del Savio è praticamente l'unica via di accesso al resto del mondo". Inutile nascondere, come del resto ha subito sottolineato l'assessore regionale Andrea Corsini che l'E45  "è spesso al centro di critiche e polemiche, ma è in atto un profondo risanamento con interventi consistenti che ci restituiranno una E45 diversa". Con quasi 500 milioni di euro in tre anni (solo per il tratto romagnolo) "si darà una risposta strutturale ai problemi di questi anni. Abbiamo capito quanto sia importante l'E45, quando per la questione del viadotto Puleto, è stato necessario chiuderla. E' in atto un poderoso programma di investimenti", ha chiuso Corsini.

Castiglioni (Anas) ha fatto il punto sui lavori nei circa 200 chilometri che si estendono da Verghereto a Ravenna. In pratica il 32% degli interventi è ultimato, il 29% in corso, il 5% dei cantieri è di prossimo avvio, mentre il 34% è in fase di progettazione. Come ha spiegato l'ingegnere Castiglioni la maggior parte delle risorse va per le "opere d'arte", cioè viadotti, gallerie, ecc. (157 milioni di euro); 107 milioni di euro per il piano viabile, 33 milioni per le barriere protettive, 34 milioni di euro per gli impianti complementari. "E' stata superata la logica delle 'toppe', è in atto un risanamento profondo, c'è una condivisione col territorio dei cantieri, a cui a volte apportiamo delle misure correttive". In questo momento i cantieri attivi sono 21, e a dicembre saranno 20, ma "per il 79% la viabilità è libera".

Si fa il punto sulla E45

Anas in Emilia-Romagna

Anas in Emilia-Romagna gestisce 2000  chilometri di strade statali ed è fortemente impegnata a migliorare il servizio offerto, sia con la realizzazione di nuove opere, che con interventi di manutenzione programmata.  Il patrimonio stradale emiliano romagnolo è stato recentemente incrementato a seguito della riorganizzazione e ottimizzazione della gestione della rete viaria, che ha consentito ad Anas di riassumere in gestione 872 chilometri di strade in Emilia-Romagna e di oltre 6.500 chilometri di strade in tutto il territorio. Nella regione Anas ha investimenti per un totale di 2,6 miliardi di euro, di cui circa 1,6 miliardi di euro riguardano le Nuove Opere in corso di esecuzione e di futura realizzazione. Circa 1 miliardo di euro è destinato alla manutenzione programmata della rete. Gli investimenti per la manutenzione programmata ammontano per il solo anno in corso a circa 88 milioni di euro finalizzati al ripristino dei piani viabili (39,44 milioni di euro), alla messa in sicurezza delle opere d’arte (30,55 milioni di euro) nonché all’adeguamento di impianti e di barriere di sicurezza lungo le strade statali in gestione (10,61 milioni di euro) oltre alle opere complementari (7,80 milioni di euro).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In tre anni 500 milioni di euro per cambiare il volto dell'E45: "Risanamento profondo per la sicurezza". 21 i cantieri attivi

CesenaToday è in caricamento