"No al taglio degli alberi nella piazza della Malatestiana", al via la petizione

Parte la petizione per impedire il taglio degli alberi risalenti ai primi anni '60 nella piazza antistante la Biblioteca Malatestiana

Parte la petizione per impedire il taglio degli alberi nella piazza antistante la Biblioteca Malatestiana. Sabato mattina incomincia la raccolta delle firme: il tavolo per la petizione popolare sarà allestito dalle 9.00 alle 12.00 in Piazza Bufalini. Promosso da Davide Fabbri, ex consigliere comunale dei Verdi, recita il documento: “Gli alberi non sono oggetti. Gli alberi sono creature viventi. Gli alberi di pregio, sani e di alto fusto sono intoccabili. Gli alberi hanno un alto valore paesaggistico, anche in ambito urbano. Vanno valorizzati i benefici effetti sul microclima, la valenza di rifugio per la piccola fauna urbana, la capacità di assorbimento delle polveri sottili, la produzione di ossigeno”.

Ed ancora: “E' un delitto pensare di abbattere alberi sani di 50 - 60 anni o di spostarli come se fossero "pedine della dama". Gli alberi ad alto fusto, di grandi dimensioni, sono essenziali per la nostra salute e hanno un valore storico e culturale enorme, collocati a ridosso del più importante monumento della città: la Biblioteca Malatestiana. La loro conservazione è fortemente collegata alla difesa del territorio. Per buonsenso - oltre che per legge - questi alberi ad alto fusto, inseriti in un particolare complesso architettonico di importanza storica e culturale, devono essere tutelati, non abbattuti o trasferiti altrove. A questi alberi deve essere riconosciuto non solo un valore ambientale ma anche culturale: essi sono simbolo di eventi storici, culturali, identificano l'identità di un luogo speciale: la Biblioteca Malatestiana, un luogo di rilevanza storica e culturale, assieme agli adiacenti monumenti a Bufalini e a Serra”.

Attacca il testo: “E' stata presentata una progettazione dell'intervento di cosiddetta riqualificazione delle Tre Piazze del centro storico (Piazza Bufalini, Fabbri e Almerici) da parte dello studio Ceredi di Cesena. Tale progetto è risultato vincitore di un Concorso di Idee indetto dal Comune di Cesena nel 2011. L'iter progettuale è ancora alla fase iniziale. Questa petizione interviene nella consapevolezza che le decisioni finali ancora non sono state prese. Il progetto infatti è stato approvato solo nella sua fase preliminare. Dovrà essere presentato il progetto definitivo e poi quello esecutivo. Tali progetti dovranno essere valutati dalla Soprintendenza delle Belle Arti e Paesaggio di Ravenna. il progetto prevede un errore imperdonabile: l'insensato abbattimento generalizzato delle alberature sane esistenti (lecci, magnolie, cedro). La compensazione di nuovo verde prevista e legata alla creazione di un anonimo giardino in Piazza Bufalini e di due piccoli boschetti di nuovi arbusti e alberelli non ci convince, poiché snatura l'identità dei luoghi”.

“I sottoscrittori della presente petizione chiedono agli Amministratori di Cesena di rivedere il progetto di cosiddetta valorizzazione delle Tre Piazze, al fine di mantenere in vita le alberature sane e storiche esistenti dei primi anni '60 di notevole pregio (un filare di lecci allineati sul fronte di Piazza Almerici, magnolie e cedro) evitando orribili e ingiustificati abbattimenti o trasferimenti-trapianti (il trapianto di alberi di grandi dimensioni ed età è un'impresa difficile e di scarsa possibilità di successo, oltre al fatto che è onerosa economicamente); rivedere l'eccessivo costo dell'intervento pubblico di cosiddetta riqualificazione (2 milioni e 900.000 euro, in parte finanziato da contributi della Regione pari a 1,5 milioni di euro, finanziamento ancora non ottenuto), salvaguardando gli alberi di pregio e inserendoli all'interno del progetto di riqualificazione delle Tre Piazze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento