Percorsi formativi, educativi, laboratoriali e sportivi: ai nastri di partenza il progetto "Intrecci educativi"

Il progetto punta tra l'altro ad una crescita sana improntata a valori di rispetto, dialogo e risoluzione pacifica dei conflitti

"Intrecci educativi": è il titolo di un progetto che promuove laboratori ed iniziative che possano contribuire a promuovere nei ragazzi e bambini dai 6 ai 18 anni benessere psico-fisico con percorsi formativi, educativi, laboratoriali e sportivi. L'attività nasce dalla co-progettazione e partnership di cinque associazioni, ovvero la "Amici del Lugaresi", che è anche capofila del progetto, l'associazione culturale Paesaggi Educativi, l'associazione genitori scuola Dante Alighieri, l'associazione "Il Pellicano", l'associazione "Testa e Croce" e Assiprov - Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Forlì Cesena, che ha supportato la rete delle associazioni sin dalla prima fase della sua creazione e si occuperà  dell’attività di monitoraggio in itinere. 

Il percorso di co-progettazione tra le cinque realtà con esperienza pluriennale nel territorio cesenate in attività con bambini e ragazzi è partita dal rilevare che la maggioranza dei circa 14 mila preadolescenti, adolescenti e giovani del distretto Cesena-ValleSavio si concentra nella città di Cesena. Si è poi passati, col confronto tra le proprie esperienze e quelle di soggetti pubblici e privati del territorio (scuole, servizi sociali, amministrazione, mondo associativo e sportivo), ad individuare le principali attuali criticità del mondo giovanile su cui convogliare le azioni del progetto; nel dettaglio la crescita di povertà economica, educativa e culturale, di situazioni di marginalità ed isolamento, di atti di violenza e conflittualità, di dispersione scolastica delinea necessità di interventi educativi-valoriali, di integrazione, di empowerment e responsabilizzazione.

Il progetto punta tra l'altro ad una crescita sana improntata a valori di rispetto, dialogo e risoluzione pacifica dei conflitti; sviluppo di risorse e competenze personali; crescita della stima e fiducia in se stessi attraverso impegno, partecipazione e responsabilizzazione come steps fondamentali per sentirsi parte della comunità; uguaglianza effettiva di opportunità di socializzazione, superando barriere socio-culturali ed economiche. In questa logica operano i laboratori di peer-mediation, peer-education, le attività sportive e culturali progettati e prestati gratuitamente. Verranno attivati percorsi formativi per educatori della rete di partnership e docenti del territorio e percorsi di formazione per i giovani allenatori che condurranno le attività sportive.

I laboratori di musica, teatro e pittura, a cura dell’ass. genitori scuola Dante Alighieri sono stati attivati nella settimana corrente nella scuola media di Viale della Resistenza. Le attività di peer-mediation, peer-education  a cura dell’ass. Paesaggi Educativi verranno attivate presso l’istituto Versari-Macrelli, la scuola media “Anna Frank” e la scuola media Viale della Resistenza. Allo stesso tempo l’ass. sarà responsabile e conduttrice dei percorsi formativi per educatori e insegnanti. I percorsi sportivi (calcio, basket e rugby) saranno curati dall’ass. Amici del Lugaresi. Dopo una prima fase di formazione per gli allenatori, verranno attivati da gennaio i percorsi sportivi in vari quartieri di Cesena tra cui il quartiere Centro Urbano, quartiere Fiorenzuola e quartiere Oltresavio. L’associazione il Pellicano e l’ass. Testa e croce lavoreranno in sinergia con le altre associazioni partner per la diffusione e buona riuscita delle iniziative programmate. Il progetto si concluderà entro luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Medicina, moda e ricerca: le tre eccellenze cesenati per il premio Malatesta Novello

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento