Le guardie ecologiche volontarie portano l'educazione ambientale nelle scuole

Solo nell’arco del 2018 hanno aderito alle iniziative 24 scuole con un totale di circa 1330 alunni, coinvolgendo 117 insegnanti.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Il Raggruppamento Provinciale Guardie Ecologiche Volontarie di Cesena,presente nel territorio sin dal 1989, iniziò a pieno regime le attività di divulgazione ed Educazione Ambientale nel 1997, offrendo programmi costruiti su tematiche ambientali e modellati per le scuole dell’obbligo attraverso interventi nelle aule e visite guidate alla conoscenza delle nostre realtà territoriali. Argomenti attuali come la gestione dei rifiuti, l’importanza dell’acqua e del suo consumo sostenibile, l’impatto dell’inquinamento sul mondo delle api, nonché la conoscenza dell’ambiente nei suoi meccanismi e protagonisti, come ad esempio il Lupo o il Gatto Selvatico.

Attività che nel tempo hanno sempre visto un incremento delle adesioni da parte delle scuole giungendo a numeri importanti di partecipazione alle iniziative per stagione scolastica. Proposte offerte gratuitamente corredate di materiale divulgativo costruito internamente anche in collaborazione con l’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Romagna per il quale assolviamo la funzione di Polo Didattico del “CEAS – Scuola Parchi Romagna-Pietro Zangheri” o con il contributo materiale di associazioni come l’ARRT (Associazione Romagnola Ricerca Tumori). Solo nell’arco del 2018 hanno aderito 24 scuole con un totale di circa 1330 alunni, coinvolgendo 117 insegnanti. Le attività di Educazione Ambientale delle GEV non si esauriscono solo nelle scuole,ma sono esportate anche all’esterno attraverso l’organizzazione di seminari e mostre fotografiche, serate ed incontri presso i quartieri, organizzazione e supporto a corsi di formazione, questo e altro ancora.

Da ricordare inoltre le escursioni effettuate sul territorio del comprensorio cesenate, undici per l’esattezza, distribuite fra il Parco di Levante a Cesenatico ed il Monte Fumaiolo, passando per il Parco del fiume Savio,meta molto ambita e richiesta dalle scuole, di facile raggiungimento, che meriterebbe un discorso molto più ampio e lungimirante da parte dell’Amm.ne Comunale, per la risorsa che questa area potrebbe rappresentare se fosse esaminata all’interno di un progetto mirato alla giusta valorizzazione. Nella prossima primavera circa 600 alunni delle scuole dell’obbligo percorreranno questo tratto di fiume a ridosso della loro città.

Torna su
CesenaToday è in caricamento