Vincono il concorso ma non vengono assunti: il Parco Nazionale condannato al risarcimento

Vincono un concorso pubblico al parco nazionale delle Foreste casentinesi. L'ente si oppone all'assunzione ma nel frattempo vengono attivate collaborazioni con altri professionisti per alcuni dei ruoli previsti

Vincono un concorso pubblico al parco nazionale delle Foreste casentinesi. L'ente si oppone all'assunzione ma nel frattempo vengono attivate collaborazioni con altri professionisti per alcuni dei ruoli previsti. Il giudice del lavoro di Arezzo ordina l'assunzione dei vincitori e definisce in circa 150.000 euro il loro risarcimento. Lo rende noto uno dei ricorrenti che aveva vinto il concorso, Emanuele Perez.

Spiega una nota: “Tra il settembre 2011 e il marzo 2012 erano risultati primi in tre graduatorie di concorso al parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna. Nonostante che si fossero immediatamente posti a disposizione dell’amministrazione che aveva bandito i concorsi la loro assunzione non era mai stata formalizzata. L'amministrazione del Parco aveva addotto a fondamento del rifiuto all’assunzione un presunto divieto a tal fine contenuto nel D.L. 138/2011, convertito in L. 148/2011. Nonostante la ferma opposizione all'assunzione dei vincitori il Parco aveva provveduto ad attivare, per far fronte alle esigenze di tale personale, convenzioni professionali esterne”.

Spiega Perez: “In realtà il giudice, con ordinanza n. 1705, del 2 aprile 2013, condividendo le ragioni di uno dei ricorrenti, aveva accertato il suo diritto all’assunzione a seguito del concorso, condannando l’ente di conseguenza. Quest'ultimo si era opposto e aveva evitato di conformarsi anche agli esiti del suo stesso ricorso: l’ordinanza emessa dal Collegio del tribunale di Arezzo in sede di reclamo non ha mai prodotto alcun effetto nonostante proprio negli stessi giorni un ente disciplinato dalla stessa normativa e sottoposto ai medesimi organi di vigilanza (il parco nazionale del Gran Paradiso) procedesse regolarmente alle assunzioni. A fronte delle esplicite richieste e diffide inoltrate l’ente ha caparbiamente continuato a perseverare nella propria inerzia e, con nota datata 3 ottobre 2013, ha comunicato che i posti oggetto di concorso erano stati soppressi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi il bis, spiega sempre Perez: “Con sentenza 45/2014, dispositivo il 18 febbraio e motivazione depositata il 10 aprile presso il tribunale di Arezzo, il giudice De Renzis ha proceduto al "riconoscimento del diritto all'assunzione a seguito di superamento di concorso con relativa richiesta di condanna al risarcimento danni". Ha quindi condannato l'ente al pagamento in favore dei ricorrenti di tutte le retribuzioni mensili maturate dalla data di approvazione della graduatoria fino al conferimento dell'incarico (data che, a segnalare una assolutamente inspiegabile "tranquillità", non è stata ancora comunicata) e delle spese legali. Va anche detto che la resistenza finora palesata non ha prodotto neppure risultati di razionalizzazione o di risparmio, perchè, come si diceva, sono state attivate collaborazioni esterne in sostituzione di alcune professionalità individuate dai concorsi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento