Padre Guglielmo Gattiani ritorna a Cesena, a 14 anni esatti dalla sua morte

Padre Guglielmo ritorna a casa. Sabato, il Servo di Dio Guglielmo Gattiani viene restituito alla devozione dei cesenati, a 14 anni esatti dalla morte terrena, avvenuta il 15 dicembre 1999 a Faenza

Padre Guglielmo ritorna a casa. Sabato, il Servo di Dio Guglielmo Gattiani viene restituito alla devozione dei cesenati, a 14 anni esatti dalla morte terrena, avvenuta il 15 dicembre 1999 a Faenza all’età di 85 anni. Punto d’arrivo dei suoi resti mortali a Cesena, dove ha vissuto gran parte della sua vita consacrata a Dio, sarà il monastero delle Clarisse Cappuccine di Ponte Abbadesse.

Alle 11 sarà celebrata una santa messa, presieduta dal vicario provinciale dei Cappuccini e vice postulatore della sua causa di beatificazione, padre Giorgio Busni. Alle 16.30, il feretro di frà Guglielmo, all’anagrafe Oscar, nato a Badi, sull’Appennino porrettano l’11 novembre 1914 e divenuto professo francescano l’8 dicembre 1935 a Bologna, giungerà in Cattedrale. Alle 18, il vescovo emerito di Cesena-Sarsina monsignor Lino Garavaglia presiederà la celebrazione eucaristica solenne. Al termine, i resti mortali dell’umile frate, uomo di preghiera definito da molti il Padre Pio di Romagna, saranno trasferiti al convento dei Cappuccini, sul colle Garampo, per essere definitivamente tumulati nella tomba appositamente predisposta per la devozione popolare. Padre Guglielmo potrà così essere visitato e invocato dai tanti cesenati che lo hanno conosciuto e che si rivolgono a lui come se fosse già santo.

Il 15 di ogni mese, alle 21, il “Gruppo degli Amici di Padre Guglielmo” si ritrova al convento dei Cappuccini, sotto la guida dei frati per la recita del Rosario e per un momento di meditazione e di preghiera. Ma anche per ricordare il grande lavoro di tramite con Dio svolto dal religioso nella sua lunga vita. A Roma, presso la speciale Congregazione per le cause di beatificazione, procede l’iter burocratico sulle virtù eroiche del Servo di Dio padre Guglielmo Gattiani, dopo che il processo diocesano, iniziato il 4 novembre 2006 con l’editto di notificazione emanato dal vescovo Lanfranchi a seguito del nulla osta del Vaticano, si era concluso il 10 dicembre 2011. “Il processo – si legge sulle pagine ‘online’ del periodico locale “Corriere Cesenate” - ha due fasi: quella diocesana, con la costituzione del tribunale locale, e quella romana. Si è conclusa la prima, che gli ha già fruttato la qualità di Servo di Dio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La pratica è ora sottoposta al vaglio della Congregazione delle cause dei santi per stabilire l’esistenza o meno delle virtù eroiche del candidato, in base alle prove documentarie raccolte. Solo dopo la pubblicazione sull’Osservatore Romano del decreto papale sulle virtù eroiche, il futuro beato viene dichiarato “venerabile”, titolo indispensabile per poter avviare il procedimento che porta alla beatificazione, prima, e alla canonizzazione, dopo”. Sebbene la fama di santità abbia accompagnato padre Guglielmo già in vita, potrà divenire beato solo dopo che la Congregazione delle cause dei santi abbia stabilito l’esistenza di un miracolo (in genere una guarigione inspiegabile) ottenuto grazie alla sua intercessione. “Per procedere, infine, alla canonizzazione è necessario un secondo miracolo compiuto dopo la beatificazione”. Ad oggi, le testimonianze sulla vita cristiana veramente vissuta da padre Guglielmo, sono oltre sessanta

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento