Ottocento ettari di foresta Patrimonio dell'Unesco, la celebrazione anche in tv

Una serata dedicata alla Foresta di Sasso Fratino al cinema Lumiere di Bologna. E anche un video promozionale in onda sulla Rai

Quasi 800 ettari di foresta con faggete, che sfiorano i 600 anni di età e sono tra le più antiche d’Europa. La foresta di Sasso Fratino, parte del Parco delle foreste casentinesi tra Santa Sofia e Bagno di Romagna, è stata dichiarata lo scorso anno Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco. La straordinaria foresta sarà presentata a Bologna, venerdì alle ore 18  al Cinema Lumière, con un’iniziativa aperta al pubblico e promossa dall’Ente parco e dalla Regione Emilia-Romagna si potrà ammirare. E nella stessa giornata le foreste saranno protagoniste anche di un video promozionale del sito Unesco che andrà in onda sulle reti Rai.

Entusiasta l’assessore regionale all’ambiente, Paola Gazzolo: “Si tratta di un grande risultato per l’intero Parco nazionale delle foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e per tutta l’Emilia-Romagna che vede inserita un’ulteriore ricchezza ambientale e naturale nell’elenco dei Siti Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, dopo il Delta del Po che ha ricevuto il prestigioso riconoscimento nel 1999.  La presentazione a Bologna dei video su Sasso Fratino va appunto nella direzione di far conoscere e diffondere sempre più consapevolezza delle bellezze dell'Emilia-Romagna, per farne un ulteriore elemento di tutela, valorizzazione e, insieme, vero motore di crescita sostenibile”.
Per promuovere una ricchezza naturale unica, sarà proiettato il video “Romagna toscana e Sasso Fratino: all’ombra di una millenaria foresta”, realizzato da Carlo Bresciani che propone le immagini del parco nelle quattro stagioni dell’anno, oltre al documentario dell’Ente parco che ne racconta la storia. Interverranno i presidenti del Parco nazionale e della Comunità del parco, Marco Baccini e Daniele Valbonesi e Paola Ciampelli del reparto Carabinieri biodiversità di Pratovecchio.

In contemporanea il video "Antiche faggete primordiali. Patrimonio mondiale dell'Unesco", sarà trasmesso su Rai 3 nel programma Geo (alle 16 in testa al programma Geo, 21.10 e alle 24), con repliche il giorno dopo su Rai storia (alle 9.30 e alle 14). Realizzato in collaborazione con il Parco delle foreste casentinesi, è parte di una campagna promozionale di Rai cultura e del Ministero per i beni e le attività culturali per promuovere i siti Unesco italiani e raccontare il percorso da patrimonio locale a eredità mondiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento