Ospedale "Angioloni" e disagi, l'Ausl: "Al lavoro per trovare soluzioni"

Nel reparto di Medicina Interna, l’Azienda informa che "sta procedendo al reclutamento di nuove dotazioni organiche. Entro il mese di maggio prenderà servizio in reparto un nuovo medico"

Dopo l'allarme lanciato martedì dal sindaco di Bagno di Romagna, Marco Baccini, la direzione sanitaria dell'Ausl Romagna interviene sulla questione dell'ospedale "Angioloni" di San Piero in Bagno, evidenziando "che si stanno adottando tutti i provvedimenti possibili per trovare soluzioni". Viene chiarito che "per far fronte alla attuale carenza di personale medico in servizio nel reparto di Medicina Interna, l’Azienda sta procedendo al reclutamento di nuove dotazioni organiche. Entro il mese di maggio prenderà servizio in reparto un nuovo medico e, contestualmente, si sta lavorando per reclutarne altri due aggiuntivi attingendo dalle graduatorie attualmente in corso".

Per quanto riguarda invece l’apertura nei giorni pre-festivi degli ambulatori dei Medici di Famiglia presenti all’interno della struttura, l'Ausl chiarisce che "a partire dal prossimo 2 giugno verrà garantita anche a San Piero nei giorni pre-festivi l’apertura di un ambulatorio, la mattina, dalle ore 8.30 alle 12.30, con la presenza di un Medico di Famiglia". In merito ai tempi di attesa per l’ecografia, la direzione sanitaria illustra che "va in primo luogo precisato che a livello distrettuale, come da indicazioni regionali, i tempi di attesa per la specialistica ambulatoriale e la diagnostica strumentale vengono già assicurati nei tempi previsti. Tuttavia, nell’ottica di dare risposte il più possibile puntuali in zone territoriali meno favorevoli, l’Azienda sta comunque lavorando per aumentare l’offerta di prestazioni, in modo da andare incontro alle necessità della popolazione di riferimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento