menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Open day 2020 in "digital edition": il Sacro Cuore si presenta alla città

"Già in questi mesi il sito ed i social (Facebook, Instagram, Youtube) sono stati importanti strumenti attraverso cui raccontare le molteplici esperienze che animano la vita scolastica", informa Paola Ombretta Sternini

Le scuole del Sacro Cuore, che in questi mesi hanno affrontato con slancio tutte le problematiche legate alla particolare situazione creata dalla pandemia, con uno strutturato programma di Didattica Digitale Integrata, non hanno rinunciato alla tradizione degli Open Day, optando per una proposta digitale della loro offerta formativa. "Già in questi mesi il sito ed i social (Facebook, Instagram, Youtube) sono stati importanti strumenti attraverso cui raccontare le molteplici esperienze che animano la vita scolastica", informa Paola Ombretta Sternini, dirigente scolastico della Fondazione del Sacro Cuore.

Nelle prossime settimane prenderanno il via alcuni eventi in diretta sul web. Si partirà sul canale Youtube e su Facebook venerdì alle 17:30 con l’open day digitale della Scuola Primaria, per poi proseguire sabato alle 16 con quello della Scuola Media e venerdì 5 dicembre alle 17:30 con quello della Scuola dell’Infanzia. Saranno momenti in cui la presentazione delle scuole sarà sviluppata soprattutto attraverso la proposta di video, che avranno come protagonisti alunni ed insegnanti. A gennaio verranno poi proposti alcuni momenti di videoconferenza su prenotazione per presentare nel dettaglio l’offerta formativa e dialogare con le famiglie interessate. Alle 17:30 martedì 12 gennaio sarà la volta della Scuola Media, mercoledì 13 gennaio della Primaria e venerdì 15 dell’Infanzia. Sarà ad ogni modo possibile con quello che abbiamo chiamato Open Saturday incontrare preside e direttrice a scuola ogni sabato fino al 23 gennaio dalle 9:30 alle 12:30.

"Numerose sono le innovazioni entrate in questi anni nelle nostre scuole del primo ciclo, che, parzialmente sacrificate in questo anno, vengono rilanciate per il prossimo anno scolastico - esordisce Sternini -. Tra questi il progetto outdoor, che, avvalendosi del grande ampiamento dello spazio all’aperto nella sede di via don Minzoni attraverso il Giardino del Cuore, ha permesso in questi mesi di sviluppare numerose attività didattiche all’aperto. Dotato di uno spazio sportivo si arricchirà nei prossimi mesi di un’aula didattica e di orti botanici".

Stternini ricorda inoltre il progetto “Ennedì” (nativi digitali), "partito dalla strutturazione per tutte le classi di aule interattive 3.0 con la presenza di Lim e computer, con l’aggiunta alla Media dell’utilizzo dei notebook da parte di tutti i ragazzi è passato quest’anno alla fase 4.0 con il rinnovamento completo del laboratorio di informatica, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio, che è divenuto un ambiente adeguato per lo sviluppo del coding e della robotica". Poi c'è "Matematica viva”, progetto che si è sviluppato, a partire dalla scuola dell’Infanzia per passare poi alla primaria e alle medie: "un rinnovamento dell’insegnamento di questa disciplina fondamentale, che privilegiando un approccio di tipo logico-operativo faciliti il rapporto dei ragazzi con questa disciplina, strutturando fin all’infanzia un pensiero “matematico”".

"Col progetto di “Scuola internazionale” si è ampliata notevolmente l’area linguistica a partire dalla scuola dell’Infanzia - continua la dirigente -. La lingua inglese è presente nel curriculum fin dai 3 anni, con ingresso quotidiano in tutte le classi di madrelingua, potenziamento orario alla Primaria e alle Medie, introduzione di insegnamenti CLIL (insegnamento di moduli tematici disciplinari in lingua) e certificazioni Cambridge a partire dalla Quinta elementare con la possibilità di ottenere in Terza Media oltre al Ket (A2) anche il PET (B1)". Col progetto “Teatro” a tutti i ragazzi, a partire dalla Scuola dell’Infanzia, "è proposto di vivere l’esperienza del laboratorio teatrale (che in Terza Media viene svolto in lingua inglese), condotto da esperti, in collaborazione con gli insegnanti".

Con le iniziative “Libriamoci”, LibrAperto e “Festa dei libri e delle rose”, prosegue la dirigente, "si cerca di mantener vivo in tutto gli ordini di scuola il gusto per la narrazione e la lettura, che appare un elemento imprescindibile di formazione". Col progetto "Coro" sia alla primaria che alle medie "per tutto l’anno viene sviluppata una educazione musicale che permette esibizioni degli studenti in tutti i momenti pubblici della scuola". Infine c'è il progetto “Didattica inclusiva”, supportato anche dal progetto di Servizio civile universale: "si sta cercando di accompagnare tutti i bambini e ragazzi, anche quelli con maggiori difficoltà, ad essere stimolati in un apprendimento personalizzato in una ambiente accogliente ed inclusivo". "A questi elementi cardine della nostra proposta educativa si uniscono una molteplicità di progetti disciplinari e pluridisciplinari che troveranno espressione nei laboratori degli Open Day proposti dalla scuola", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento