menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo centro per profughi? L'assessore: "Fino alla fine dell'estate nessuna nuova apertura"

C'è agitazione e preoccupazione a Villachiaviche a causa dell'ipotetica apertura di una struttura per profughi

C'è agitazione e preoccupazione in via Arzignano a Villachiaviche a causa dell'ipotetica apertura di una struttura per profughi. Alcuni residenti della zona, infatti, hanno iniziato a vedere strani movimenti all'interno di un casolare di grandi dimensioni, attualmente non abitato, ovvero trasferimento di oggetti all'esterno e preparazione delle camere come se, da un momento all'altro, dovesse venire ad abitarci qualcuno. Così, visto che nelle vicinanze (via Sant'Agà) c'è un'altra struttura che ospita profughi e attualmente c'è un bando aperto per cercare nel Comune di Cesena nuove residenze conformi alle esigenze, gli abitanti della zona, in ansia, hanno chiesto subito informazioni.

A fornire chiarimenti è Simona Benedetti, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Cesena, che per ora esclude ogni ipotesi di apertura di nuove strutture, almeno fino alla fine di agosto. "Da qui a quella data sicuramente non apriranno centri per profughi - spiega l'assessore - anche perché ci sono tempi tecnici da rispettare. Il bando si chiuderà il 24 luglio, solo da quel momento inizieremo la trafila per aprire nuove strutture. Non escludo ovviamente che una serie di soggetti appartententi al terzo settore si siano mossi per parteciparvi, ma è assolutamente impossibile che qualcuno possa aprire qualcosa in modo autonomo. A fine luglio dovranno essere aperte le buste con le offerte pervenute. Andremo a incontrare i proprietari che sembrano avere le residenze più conformi alle richieste, ascoltaremo il loro progetto di integrazione e mandaremo una commissione a fare un sopralluogo".

E conclude: "Poi, se tutto sarà a posto, potremmo dare il via per ospitare una cinquantina di profughi in città (gli altri trenta saranno distribuiti negli altri comuni dell'Unione Cesena Vallesavio). Ma non tutti e 50 saranno messi in una residenza. Preferiamo locali piccoli, in zone dove l'integrazione è più facile e possibile. Per questo mi viene da escludere l'ipotesi di via Arzignano. E comunque sia ogni nuova struttura prima che possa aprire dovrà passare molti vagli". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento