Nuovi vertici per l’Associazione Benigno Zaccagnini di Cesena

Il Consiglio d’Amministrazione, riunito nella serata di lunedì, ha eletto Ercole Acerbi alla presidenza dell’Associazione e, nel contempo, ha completato il quadro delle cariche interne

Nuovi vertici per l’Associazione Benigno Zaccagnini di Cesena, che ha rapidamente affrontato e risolto il problema della copertura della presidenza, lasciata libera a fine novembre da Paolo Zanfini (dimessosi per candidarsi alla segreteria comunale Pd). Il Consiglio d’Amministrazione, riunito nella serata di lunedì, ha infatti eletto Ercole Acerbi alla presidenza dell’Associazione e, nel contempo, ha completato il quadro delle cariche interne nominando vice presidente Michelangelo Bucci e segretario generale Chiara Santero.

Ercole Acerbi, uno dei soci fondatori dell’Associazione e segretario uscente, iniziò la sua attività nel giugno 2003 con l’incontro dell’allora Presidente emerito della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro su “L’attualità della Costituzione”. Nell’accettare la carica, Acerbi ha comunque chiarito che il suo impegno quale presidente non si protrarrà oltre la scadenza dell’Assemblea, prevista per il prossimo anno: “C’è infatti da imprimere una svolta, impegnando energie fresche”.

Per questo il Consiglio, da ora, ha chiesto la disponibilità a due giovani soci, già membri dello stesso: Michelangelo Bucci, 39 anni, giornalista, esperto informatico e membro del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti; Chiara Santero, 37 anni, pubblicista ed esperta in comunicazione, proveniente dalle fila degli scout cattolici dell’Agesci.

Acerbi ha colto l’occasione per illustrare al Consiglio l’attività per i prossimi mesi, che non potrà non tener conto della situazione sociale e politica, orientandosi nell’affrontare delle tematiche d’attualità, così come è già stato fatto nei mesi scorsi con l’importante convegno su “Povertà ed emarginazione sociale a Cesena” e con gli altri incontri dedicati al tema dell’economia locale e del territorio.
Nella stessa dichiarazione Acerbi ha tenuto a confermare uno degli elementi fondamentali del lavoro dell’associazione, quello dell’autonomia. Autonomia non dalla politica, che costituisce un dovere “morale”, ma dalle vicende interne ai partiti, spesso non commendevoli.

C’è da registrare infine, con soddisfazione, che nelle ultime settimane due soci dell’Associazione sono stati chiamati a coprire importanti incarichi politico-amministrativi a livello comunale e cittadino. Oltre al già citato presidente uscente Paolo Zanfini, il socio Andrea Pullini è stato eletto infatti capogruppo Pd in Consiglio comunale a Cesena. Queste nomine si aggiungono agli incarichi già ricoperti da altri amici componenti dell’Associazione, quali Carlo Battistini, Rita Ricci, Marco Macchini, Damiano Zoffoli, Gabriele Borghetti ed altri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E dunque Acerbi ha tenuto a sottolineare come “Le nomine di Andrea Pollini e Paolo Zanfini sono certamente dovute alla serietà, alla continuità dell’impegno e della competenza di questi due amici. Ma esse avvengono in un passaggio particolare della vita del Pd e della situazione politica locale e nazionale. Voglio quindi leggervi anche il riconoscimento della capacità di far crescere classe dirigente, come è prerogativa di chi guarda alla politica come servizio, non bloccata da interessi di carattere personale. Da questo punto di vista, credo che la tradizione e la storia che si condensano nell’Associazione Zaccagnini costituiscano una bella scuola”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento