menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuove aggregazioni turistiche nell’Appennino Tosco Romagnolo

Nel caso di Bagno di Romagna è stata proprio l’Amministrazione Comunale ad avviare un progetto di sviluppo turistico

Significativo è il fermento che in questi ultimi mesi si respira nell’alta valle del Savio e del Bidente in materia di turismo. Sono infatti nate proprio quest’anno due realtà associative rispettivamente nel comune di Verghereto “Fumaiolo Slow Emotion” e nel bacino di Bagno di Romagna e dell’alta Valle del Bidente “Enjoy Bagno di Romagna”, sulla scia di una nuova consapevolezza turistica delle realtà appenniniche. 

Nel caso di Bagno di Romagna è stata proprio l’Amministrazione Comunale ad avviare un progetto di sviluppo turistico, avvalendosi di esperti del settore, che ha come obiettivo strategico la realizzazione di un piano di sviluppo di medio-lungo periodo, ma che prevede tra le prime azioni quella di stimolare la creazione di un ente che possa dedicarsi in maniera stabile alla promo commercializzazione del territorio. Un percorso formativo, quello strutturato dall’Amministrazione di Bagno, aperto ai cittadini ed agli operatori interessati, che ha rappresentato anche  lo stimolo per un primo ripensamento del territorio e delle sue opportunità turistiche, alcune delle quali ancora non sufficientemente sfruttate. Da qui un gruppo di operatori appartenenti a categorie ed a realtà locali differenti hanno avviato la costituzione di una nuova realtà associativa, trasversale a quelle esistenti e focalizzata in questa prima fase a mettere in sinergia le opportunità di sviluppo del turismo attivo del nostro territorio.

Le due neonate associazioni si stanno approcciando ora verso un percorso condiviso che possa vederle collaborare per la presentazione di progetti a livello regionale e muovere passi concreti verso uno sviluppo turistico che possa fare da volano economico per tutto il territorio. L’intenzione dei partecipanti è altresì quella di poter avviare un percorso che possa interessare anche altri dei territori limitrofi e delle realtà appenniniche non solo romagnole, in modo da poter dare vita a effettive opportunità e collaborazioni trasversali.    

“Possiamo ritenerci molto soddisfatti dei primi risultati che questo percorso sta mostrando” dichiarano il Sindaco Marco Baccini e la Vice Alessia Rossi. “Abbiamo sempre ritenuto il turismo uno degli assi fondamentali su cui lavorare in stretta collaborazione con gli attori dei comuni limitrofi, cosa che ci ha portati a sviluppare progetti e percorsi in sinergia con i nostri vicini amministrativi. E’ quindi un successo vedere finalmente che anche il mondo del privato sta iniziando a lavorare in questa stessa direzione e pone le basi per collaborazioni che si estendono anche fuori dai confini comunali”.

“Un altro pilastro della nostra attività è stato, infatti, quello di rafforzare il rapporto tra le istituzioni pubbliche e il mondo imprenditoriale. La condivisione è imprescindibile per ridare slancio all’economia turistica del territorio e per questo abbiamo sempre promosso incontri, iniziative, momenti di confronto e condivisione che stanno dando oggi riscontri positivi, tra cui l’ottima riuscita dell’arrivo del Giro d’Italia, un successo ottenuto proprio grazie alla grande partecipazione ed al lavoro di squadra che la nostra comunità ha messo in piedi”.  

“Certo – spiegano Sindaco e Vice – l’obiettivo generale intende perseguire e realizzare politiche di territorio secondo quelle finalità che anche la Regione sta promuovendo e incentivando attraverso le Destinazioni Turistiche. Su questo aspetto, peraltro, sviluppare progetti di territorio sarà sempre più fondamentale se l’Appennino vuole difendersi da quello strabismo che finisce spesso per concentrare la maggior attenzione e la maggior parte risorse alla costa, perdendo di vista invece l’unità di un territorio che in pochi Kilometri offre una vastità di eccellenze e ambienti diversi e complementari. 

“Proprio su queste basi, il progetto che abbiamo avviato – concludono Marco Baccini e Alessia Rossi – mira a creare, attraverso la partecipazione e la condivisione delle Amministrazioni di montagna e delle proprie comunità, un “Sistema Appennino” che sia in grado di dialogare politicamente in modo unitario e coeso per lo sviluppo del territorio, partendo dal turismo ma non limitandosi a questo settore”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Un importante alleato in tempi di Coronavirus: il saturimetro

Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento