Una notte al Liceo: il Monti apre le porte anche di sera per un open day speciale

Sarà l'occasione per visitare la scuola, conoscere tutti i suoi indirizzi (dal Classico tradizionale al Classico per le Scienze, dalle Scienze Umane all'Economico-Sociale), per partecipare ad un grande evento culturale

Tutti a scuola, anche di notte: per una volta il Liceo “Monti” di Cesena apre le sue porte durante la serata di venerdì. Si tratta di una iniziativa nazionale, “La grande notte nazionale del Liceo classico”: nata in Sicilia, presso il Liceo “Gulli e Pennisi” di Acireale, ha riscosso adesioni in tutta Italia. “Oltre cento licei classici – racconta Giancarlo Domenichini, preside del “Monti” - hanno scelto di partecipare: dopo il 'processo' al Liceo classico, svoltosi a Torino, che ha visto come accusatore Pietro Ichino e come difensore Umberto Eco, è iniziata in tutta Italia una riflessione sulla natura di questo tipo di scuola”.

Sarà l'occasione per visitare la scuola, conoscere tutti i suoi indirizzi (dal Classico tradizionale al Classico per le Scienze, dalle Scienze Umane all'Economico-Sociale), per partecipare ad un grande evento culturale che prevede spettacoli musicali, letture di poesie da parte degli autori, recita di brani della nostra letteratura, esibizioni musicali e canore di alunni, dibattiti sul futuro della scuola e sull’innovazione didattica. All'evento, che si svolgerà dalle 18,30 alle 23,30, sono invitati gli alunni di terza media e i loro genitori, i dirigenti ed i docenti orientatori, gli ex allievi e le loro famiglie, il mondo locale della scuola e della cultura, e, ovviamente, tutto il personale del Liceo “Monti”, gli studenti e i loro genitori. Per i genitori degli alunni di terza media sarà possibile procedere alle operazioni di iscrizione col supporto del personale della segreteria. La manifestazione sostituisce l'ultimo open day, previsto per il 7 febbraio, giornata nella quale sarà comunque possibile usufruire della collaborazione degli uffici per le iscrizioni on-line.

SEGUITECI SU FACEBOOK, CLICCATE SU "MI PIACE":

FB-CT-2

Questo il programma generale della manifestazione, che si dividerà in tre spazi: la palestra, la biblioteca e i corridoi dell'edificio. In palestra, alle 18,30 si avrà l'apertura ufficiale della manifestazione col sindaco ed ex alunno Paolo Lucchi; a seguire, gruppi di ballo della scuola, gruppi di recitazione del ‘Progetto teatro’, Scuola di Musica Jazz di Nicoletta Fabbri, esibizione musicale di band di studenti e di solisti. In biblioteca, invece, sempre dalle 18,30: L’eroe epico (a cura della 3Bc), L’ultima notte di Pompei (a cura della 3Cc), saggio canoro delle alunne che studiano da soprano presso il Conservatorio di Cesena, “Renato Serra”, presentato da Paolo Turroni; lettura di brani poetici a cura degli autori con la partecipazione di Stefano Maldini, Franco Casadei, Gianfranco Lauretano, “Lord Randall” e letture da “Il grande Gatsby” (a cura della 3Bc), letture da Sofocle e Seneca (a cura della 5Cc), lettura di canti della “Commedia” (a cura della 5Bc). Nelle Aule-laboratorio ai piani: incontri di presentazione dei tre percorsi: Classico e Classico per le Scienze (aula n. 115 - primo piano), Scienze Umane (Aula Magna – secondo piano), Economico-Sociale (aula n. 107 - primo piano). Le classi IV delle Scienze Umane presenteranno un loro progetto dalle 19,30 alle 20,00). Nei corridoi a partire dalle 19: esibizioni non stop degli alunni del Liceo come artisti di strada; Davide Bosi e Caterina Giovannetti: canzoni della tradizione pop internazionale. Nel Laboratorio di Fisica, simposio sulla tolleranza (a cura della 5Cs), letture dall’Eneide (a cura della 4Ac), lettura dantesca (a cura della 4Bc). Durante la “Notte bianca” si potrà vedere in anteprima la nuova aula per l'apprendimento collaborativo, progettata tenendo conto delle esperienze didattiche dei paesi europei più avanzati.

“Frutto di un'esperienza didattica in Finlandia – racconta William Costantini, docente referente sull'argomento – abbiamo deciso di progettare una cosiddetta “aula 3.0”: ce n'è soltanto un'altra in tutta la regione, e quindici in tutta Italia. Cerchiamo, in questo modo, di incentivare, oltre alle conoscenze, lo sviluppo delle competenze, attraverso l'insegnamento cooperativo e il problem-solving”. L'aula non ha cattedra, non ci sono banchi, ma pratiche sedie ergonomiche che si spostano con facilità: ci sarà spazio per un armadio blindato in cui riporre i tablet che saranno usati per l'esperienza didattica: un nuovo modo di fare scuola, che si ancora alle migliori tradizioni della cultura italiana. Per saperne di più, si può visitare il sito www.liceomonticesena.gov.it, uno dei più cliccati in Italia: conta circa centomila contatti ogni mese, a riprova che modernità e tradizione possono unirsi in modo efficace.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento