Le città in cui si vive meglio in Italia: Forlì-Cesena è la regina della Romagna

Nella graduatoria stilata dal quotidiano ItaliaOggi Forlì-Cesena si piazza al 21esimo posto su 107 province

Non sarà Trento ma la provinvia di Forlì-Cesena si difende molto bene nella classifica della qualità della vita stilata dal quotidiano ItaliaOggi in collaborazione con l'università La Sapienza e Cattolica assicurazioni.  Il tradizionale studio di fine anno si è rifatto il look, per rimanere al passo con i cambiamenti economici e sociali e per individuare nuove chiavi di lettura sulla qualità della vita non solo in termini di contrapposizione Nord-Sud, ma anche di analisi "trasversale" dei fenomeni che interessano le grandi e piccole province italiane, molto diverse fra loro. Nell’edizione 2019, sono state incluse informazioni statistiche più dettagliate sul tenore di vita; la dimensione servizi finanziari e scolastici è stata sostituita da quella "istruzione, formazione e capitale umano»; sono stati individuati nuovi "cluster" di analisi che hanno dato vita a cinque raggruppamenti di province omogenei in cui è possibile riscontrare caratteristiche simili.

Su 107 province Forlì-Cesena ottiene un ottimo 21esimo posto subito dietro Parma, guadagnando ben otto posizioni. Lontane le altre romagnole: Ravenna è 57esima, Rimini è 60esima, in calo di tre gradini. Una graduatoria che tiene conto di tanti aspetti, tra cui il lavoro, l'ambiente, l'istruzione, il tempo libero e il turismo. Scorrendo i vari settori, nell'area affari e lavoro la nostra provincia è 11esima (14esima per tasso di occupazione). Forlì-Cesena è 11esima anche nella classifica della sicurezza sociale e personale (13esima nella classifica per morti e feriti a causa di incidenti stradali. E' invece 101esima nella graduatoria degli infortuni sul lavoro, 55esima in quella dei morti per tumore, 62esima per reati a sfondo sessuale. Per quanto riguarda invece il tasso di disoccupazione giovanile (15-21 anni) è 14esima. Nella classifica dei reati la provincia è 76esima, 78esima per i reati contro il patrimonio. Forlì-Cesena è 43esima per i reati connessi al traffico di droga, 86esima per scippi e borseggi, 26esima per furti d'auto, 91esima per furti in appartamento, 75esima per rapine in banca e negli uffici postali, 27esima per truffe e frodi informatiche.

Nella classifica del tempo libero che vede Rimini seconda, Forlì-Cesena è 25esima, 31esima per strutture dedicate al turismo, 17esima per sturtture dedicate al tempo libero, 24esima per agriturismi e 14esima per alberghi. Mentre è 37esima per ristoranti e 38esima per bar e caffetterie, 20esima per associazioni ricreative e culturali, 51esima per librerie. Capitolo ambiente: Forlì-Cesena è 35esima, 43esima per concentrazione media annua di Pm10, 102esima per raccolta di rifiuti urbani, 28esima per densità di piste ciclabili e 56esima per disponibilità di aree pedonali, 71esima per densità di verde urbano e 40esima per raccolta differenziata. Nella classifica istruzione e formazione Forlì-Cesena è 26esima (26esima per partecipazione alla scuola dell'infanzia e 31esima per persone laureate. Infine per quanto riguarda il sistema salute è 66esima, per sottodimensione posti letto è 56esima, 83esima per sottodimensione apparecchiature diagnostiche, 61esima per posti letto in ostetricia e ginecologia, 82esima per posti letto in cardiologia, mentre è 30esima per posti letto nei reparti di oncologia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trento è la regina in Italia della qualità della vita, Agrigento ottiene la maglia nera. Una graduatoria che fotografa il drammatico divario tra Nord e Sud. Tra le prime dieci ci sono dopo Trento, Pordenone, Sondrio, Verbano-Cusio-Ossola, Belluno, Aosta, Treviso, Cuneo, Udine e Bolzano. Per trovare la prima città meridionale bisogna scorrere fino al 69esimo posto di Potenza.  Nel 2019 la qualità della vita in Italia è complessivamente migliorata. Oggi sono 65 su 107 le province italiane in cui la qualità di vita è buona o accettabile: un dato che risulta il migliore degli ultimi cinque anni. Tra le grandi città notevoli i balzi di Milano che passa dal 55esimo al 29esimo posto e Bologna che dal 43esimo passa al 13esimo.  A proposito, la Consigliera Lia Montalti dichiara: "Ho sempre creduto nella mia Cesena e nella mia provincia. Le nostre zone hanno un potenziale immenso e la prima risorsa del territorio sono i suoi abitanti: siamo lavoratori determinati, e possiamo fare qualsiasi cosa. Per questo, continueremo a lavorare per dare modo ad ognuno di raggiungere i propri obiettivi e realizzarsi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

  • Il furgone come "ariete", spariscono borse e scarpe di lusso: colpo da 100mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento