Debutta il Museo dell'Ecologia, anche il National Geographic a Cesena per scoprirlo

Terminate le polemiche degli ultimi mesi per via del cambio di gestione, il Museo di piazzetta Zangheri  riparte dalla ricerca e dalle idee.

Terminate le polemiche degli ultimi mesi per via del cambio di gestione, il Museo di piazzetta Zangheri  riparte dalla ricerca e dalle idee. Intanto cambia nome: non è più il museo delle Scienze Naturali ma "Museo dell'Ecologia", una denominazione che già di per sé contiene qualcosa in più preannunciando tra gli argomenti trattati anche temi relativi alla cura dell'ambiente e alla conseguente sensibilizzazione dei cittadini. Poi, tra gli interventi già realizzati, ci sono i nuovi diorami (gli sfondi o ambientazioni) realizzati con tecniche più moderne e suggestive e una bella sala conferenze con uno megaschermo per vedere immagini e video. Ma quello che dovrà fare la differenza tra la vecchia e la nuova gestione (non per contrapporsi ma per andare avanti e far progredire una struttura a servizio di tutta la città e della Romagna intera) sarano le idee e i contenuti con cui verrà riempita pian piano la struttura di piazzetta Zangheri. 

VIDEO - Il museo dell'Ecologia visitato per voi: ospite speciale sarà il lupo

"Sarà il museo di tutti - spiega Davide Zavalloni, presidente del Comitato Scientifico del Museo dell'Ecologia, insieme a Elena Ioli, Marco Dallarosa e l'assessore alla sostenibiltà ambientale Francesca Lucchi - non solo di quelli che amano le scienze. Qui si verranno a seguire conferenze su tematiche di respiro ambientale, sia per grandi che per bambini. In più terremo contatti con l'Università e vorremo che diventasse il Museo punto di riferimento per tutti gli altri musei di scienze della Romagna, in una condivisione e arricchimento che dia valore alla materia trattata". 


"Abbiamo moltissime idee - spiega Lorenzo Rossi, presidente di Orango, la nuova associazione che gestisce il Museo dell'Ecologia - la nostra forza non saranno solo le pregiate collezioni ornitologiche, il bell'esemplare di lupo che abbiamo oggi in prestito dall'Ispra o le teche con i vari animali imbalsamati, lavoreremo molto sull'interattività, su curiosità che conquisteranno sia i grandi che i piccini. Per l'inaugurazione per esempio abbiamo preparato dei piccoli quiz accanto alle teche, video molto suggestivi che emergono dallo sfondo. E abbiamo in serbo molte altre novità".  Insieme a Lorenzo Rossi, divulgatore scientifico, esperto di zoologia, nonché punto di contatto con il Cicap di Piero Angela che ha organizzato a Cesena ben due congressi annuali, ci sono Andrea Boscherini di San Piero in Bagno, Agnese Roversi, Davide Palumbo, Veronica Padovani. Un gruppo di professionisti appassionati e a stretto contatto con il mondo universitario. 

L'inaugurazione del nuovo Museo si svolgerà sabato pomeriggio alle 17 alla presenza dell'assessore Francesca Lucchi. A seguire la visita dei locali rinnovati a cura dell'associazione Orango, e la presentazione della mostra fotografica naturalista Antonio Iannibelli. Interverrà Daniele Zavalloni con brevi note sull'attività. La guest star sarà Willy Giusti, un giovanissimo youtuber - zoosparkle - che proporrà una riflessione sulla divulgazione ai tempi dei social. Poi la Guardia Ecologica parlerà dei lupi a Cesena, Andrea Boscherini e Lorenzo Rossi concluderanno con un bell'intervento su "Lupi e leggende". Ma non è tutto, perché il museo deve ingrandirsi ancora. Verso aprile, infatti, riaprirà anche la Loggetta Veneziana con i suoi tre piani. All'ultimo piano verrà realizzata una stazione meteorologica aperta alle scolaresche in cui si potrà capire cos'è la meteorologia e un piccolo allestimento di uccelli rapaci. , Il secondo piano verrà destinato a studi e materiali relativi ai cambiamenti climatici. Il terzo piano, con cupola, diventerà un ambiente marino in cui verrà trattato anche il tema della plastica nel mare. Quindi scienza ma anche tanta ecologia e attenzione alle tematiche ambientali. 


L'associazione Orango, che ha vinto un bando del Comune per tre anni, avrà ogni anno 10 mila euro e 5 mila euro ne metterà lei per implementare le attività e migliorare la struttura. Nel frattempo stanno intessendo rapporti interessanti con realtà locali, come la cesenate Citrus che si occupa di frutta e verdura bio. Il giardino sensoriale, infatti, esterno al Museo Ecologico verrà pensato e organizzato proprio dal preparato staff di Citrus con essenze italiane capaci di dare profumo e sapore ai nostri piatti.  E ultimissima bella notizia, un gruppo del National Geographic, la rivista scientifica per eccellenza, è stato a Cesena per fare un servizio che andrà online sul nuovo Museo Ecologico. Sicuramente un ottimo inizio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento