menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baffi per la ricerca: entra nel vivo l’edizione 2015 del #Movemberomagnolo

Farsi crescere i baffi per sensibilizzare e attirare l’attenzione sui temi relativi alla salute maschile è l’idea che ispira Movember

Anche quest’anno Romagna RFC e Istituto Oncologico Romagnolo stanno promuovendo il “Movember Romagnolo”, campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi a sostegno dell’attività di ricerca e cura contro i tumori maschili, organizzata nell’ambito del movimento mondiale di Movember. Farsi crescere i baffi per sensibilizzare e attirare l’attenzione sui temi relativi alla salute maschile è l’idea che ispira Movember (termine che deriva dalla fusione delle parole Moustache – baffi – e November, mese in cui questa iniziativa si sviluppa) e che Romagna RFC e Ior ripropongono attraverso il Movember Romagnolo, insieme di iniziative pensate per far conoscere e diffondere questo movimento anche sul nostro territorio, insomma per far mettere i baffi a tutta la Romagna.

Dopo gli ottimi risultati ottenuti nella passata edizione, con 5600 euro raccolti e destinati a sostenere il lavoro svolto dall’Irst Irccs di Meldola, Romagna RFC e Ior hanno rilanciato la sfida solidale del Movember Romagnolo: anche quest’anno l’iniziativa vede in prima linea, insieme ai club della Franchigia Romagna Rugby, le volontarie del Gruppo Ida dello Ior, il gruppo dei Soul Brothers Company e le classi dell’Istituto Comprensivo San Biagio di Ravenna.

Tutti possono partecipare a Movember e contribuire a far conoscere questa iniziativa, una bella occasione per dare visibilità a tematiche di grande attualità ma spesso troppo poco affrontate, in modo divertente e scherzoso. La sfida del #movemberomagnolo è proprio questa: mettersi i baffi, facendoli crescere o inventandosi un baffo “creativo” di qualunque tipo, immortalarlo con una foto o un video e condividerlo attraverso i social media– facebook, twitter o instagram - utilizzando l’hashtag #movemberomagnolo, e infine sfidare gli amici a fare meglio.

Per tutta la durata dell’iniziativa sarà possibile effettuare donazioni a sostegno dell’attività di cura e ricerca contro le patologie uro-ginecologiche svolta dal gruppo di patologia diretto dal dottor Ugo de Giorgi all'Irst Irccs di Meldola. Si potrà fare una donazione diretta allo Ior o recandosi in una delle sedi sul territorio o negli appositi punti di raccolta allestiti in occasione delle partite casalinghe del Romagna RFC in programma il 15 e 22 novembre allo Stadio del Rugby di Cesena. È possibile fare una donazione anche attraverso la piattaforma per il crowdfunding Eticarim a questo link Sarà inoltre possibile contribuire all’iniziativa anche attraverso le birre artigianali PLB – Project Local Brewery, disponibili nella Club House del Romagna RFC allo Stadio del Rugby di Cesena: per ciascuna bottiglia di Golden Ale, Irish e IPA India Pale Ale 50 centesimi verranno devoluti allo Ior.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento