menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Motorizzazione e riorganizzazione, si lavora per ripristinare i servizi sospesi

"L’ipotesi condivisa - dichiara Baccini - è quella di allungare il periodo di dismissione della sede di Forlì sino al termine contrattuale della locazione dell’immobile"

Si cercano possibili soluzioni in merito alla riorganizzazione delle sedi della Motorizzazione Civile di Forlì-Cesena. Sindacati e associazioni di categoria ed alcuni sindaci, tra cui quello di Bagno di Romagna Marco Baccini, hanno raccolto le sollecitazioni di alcune famiglie al fine di riportare la situazione alla normalità, quantomeno nel medio periodo. In particolare, la manovra di concentrazione delle due sedi territoriali (Cesena e Forlì) nell’unica sede di Cesena, rientrante in un’azione di spending review, ha trovato il dissenso dei dipendenti della Motorizzazione Civile, i quali hanno deciso (come forma di protesta) di non effettuare ore di lavoro straordinario, con cui sino ad oggi garantivano, tra gli altri servizi, lo svolgimento degli esami di guida presso le sedi periferiche delle Scuola Guida abilitate.

Le varie sollecitazioni hanno trovato la disponibilità alla discussione da parte del Ministero dei Trasporti e della Prefettura di Forlì-Cesena, che ha organizzato un incontro con gli interlocutori intervenuti sul tema per affrontare la questione e verificare la possibilità di diverse soluzioni in grado di poter riportare il servizio alla normalità. Ciò che è emerso dalla concertazione tra tutte le parti coinvolte, ognuna delle quali ha rappresentato le ragioni delle proprie posizioni ed esigenze, rappresenta un passo in avanti nella gestione di una manovra che altrimenti avrebbe un concreto impatto sociale ed economico sul territorio.

"L’ipotesi condivisa - dichiara Baccini - è quella di allungare il periodo di dismissione della sede di Forlì sino al termine contrattuale della locazione dell’immobile, di proprietà privata, per consentire così una riorganizzazione dei servizi più ponderata, ciò che consentirebbe la cessazione della fase di agitazione da parte dei sindacati e dei dipendenti della Motorizzazione, che tornerebbero a svolgere anche quei servizi sui territori periferici che oggi sono stati sospesi”.

“Ci auspichiamo che tale soluzioni trovi esito positivo e siamo quindi in attesa di conoscere a strettissimo termine gli sviluppi di quanto concordato - continua il primo cittadino di Bagno di Romagna -. Certamente è doveroso ringraziare il Prefetto e i rappresentanti del Ministero per la disponibilità manifestata a seguito delle richieste avanzate nei giorni scorsi. Occorre anche chiarire che, in caso di esito positivo, la soluzione prospettata sarà comunque una soluzione che si esaurirà nel medio periodo e non oltre il 2020, quando la manovra originaria sarà portata a regime se non interverranno altre ipotesi o soluzioni che consentano un effettivo risparmio di spesa da parte del Ministero”.

"Sarà quindi necessario continuare a lavorare per trovare soluzioni alternative, ove possibile, così da garantire il presidio su Forlì in modo stabile e duraturo nel tempo. Per ora - conclude Baccini - attendiamo gli sviluppi di questa prima fase di lavoro che, se dovesse andare in porto positivamente, potrà garantire ai cittadini ed alle aziende di continuare a servirsi di quei servizi che ad oggi hanno qualificato il territorio locale e soprattutto quello periferico dell’Appennino”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Un importante alleato in tempi di Coronavirus: il saturimetro

Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento