menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La suggestione delle vecchie macchine per scrivere richiama mille visitatori

Tantissimi i turisti intervenuti che hanno optato per un luogo coperto e al caldo per far fronte al maltempo guardando con i propri occhi delle rarità come la macchina Enigma

Oltre mille persone hanno partecipato, in sole 20 ore di apertura (sabato 23 e domenica 24 aprile dalle 9 alle 19), alla mostra di macchine per scrivere antiche tenutasi al Palazzo del turismo. In tanti hanno lasciato una firma e un commento sul registro delle presenze. L’evento è stato organizzato dall’Associazione italiana collezionisti macchine per ufficio d’epoca. Tantissimi i turisti intervenuti che hanno optato per un luogo coperto e al caldo per far fronte al maltempo guardando con i propri occhi delle rarità come la macchina Enigma, la Discret, la Sholes Visible, la Olivetti M1, le Hammond 1b e 1B Remodell, il primo pc desktop del mondo cioè la P101 Olivetti e tanti altri esemplari mai esposti prima in Romagna. Gli organizzatori, per motivi di sicurezza, non lo hanno rivelato prima, ma il valore collezionistico delle macchine esposte superava abbondantemente i 100mila euro.

L’inaugurazione ufficiale si è tenuta sabato pomeriggio, con i saluti del sindaco Roberto Buda, alla presenza di oltre cento giornalisti intervenuti perché il convegno è coinciso con un momento formativo dell’Ordine di categoria.

“Ringraziamo l’ospitalità ricevuta dal Comune di Cesenatico – commenta il piemontese Domenico Scarzello, presidente dell’Associazione – e per tutti i partner e le aziende che hanno sostenuto i nostri organizzatori sul luogo, vale a dire i collezionisti Cristiano Riciputi, Paolo Ingretolli e Urbano Laghi. Credo che sia stato un momento importante per noi e per la città: abbiamo portato oltre 50 soci e tanti interessati al nostro mondo che hanno pernottato nelle vostre strutture e pranzato il ristoranti e bar della zona. Siamo stati sempre presenti alla mostra per spiegare di persona tutte le curiosità e le informazioni storiche. Per due giorni Gastone Garziera, l’inventore del primo pc desktop al mondo, è stato alla mostra e ha tenuto due relazioni. In definitiva credo che la collaborazione fra il nostro gruppo, il Comune e le aziende del territorio abbia portato ottimi risultati”.

Tanta curiosità ha destato, all’interno della mostra, la presenza di un collezionista di telescriventi, il forlivese Riccardo Romagnoli, che ha collegato una sua macchina alla rete internet e ha chattato in diretta, non a video ma su carta, con degli appassionati come lui che hanno connesso la propria telescrivente alla rete.

Grande successo ha riscosso Garziera durante il suo intervento. La Programma 101 ha segnato una svolta nell’informatica a livello mondiale, nel 1965, e l’inventore 74enne si è fermato a dialogare con quanti gli chiedevano informazioni anche dopo le sue relazioni.

Tanti gli enti e le aziende che hanno fatto sinergia per sostenere l’evento, fra i quali la Confcommercio e l’Associazione italiana carabinieri sezione Cesenatico, Belli Deco, Gesturist, Corriere Cesenate, gli albergatori Adac, la coop Pescatori, gli Esercenti degli stabilimenti balneari, Stilgraf, Mareco, Radioamatori, i negozianti del centro storico, Sergio Vecchi Olivetti, Pascucci tele stampate, Restauro Cesena, Radioamatori Ars, Living Cesenatico, Prima Pagina.

La manifestazione ha avuto il patrocinio della Regione Emilia Romagna e del Comune di Cesenatico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento