menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fissato il funerale di Franco Mescolini: al Monte l'addio al popolare attore

E' stato fissato il funerale per dare l'estremo saluto a Franco Mescolini, amato e popolare attore cesenate morto mercoledì mattina

E' stato fissato il funerale per dare l'estremo saluto a Franco Mescolini, amato e popolare attore cesenate morto mercoledì mattina. Per stringersi al dolore dei suoi cari l'appuntamento è all'Abbazia del Monte, venerdì. La cerimonia religiosa funebre è fissata per le 10,30. Mescolini è morto mercoledì all'ospedale Bufalini, a seguito di una complicanza intervenuta dopo un'operazione chirurgica. Avrebbe compiuto 73 anni il 26 luglio prossimo.

Attore, regista e drammaturgo dalla lunga carriera sia in radio, in tivù cinema e teatro, senza dimenticare le strade e le piazze che lui ha sempre amato molto. Franco Mescolini ha segnato molte generazioni di cesenati, indicando come si insegna ai figli non solo a stare su un palco ma anche a vivere, a ridere e a vedere l'aspetto magico della vita.

A Cesena aveva messo in piedi la compagnia "La Bottega del teatro" con cui ha portato in giro moltissimi spettacoli indimenticabili, primi tra tutti Shakespeare e Dante in dialetto.  Ma Franco Mescolini è stato attore di cinema, prima di tutto. Un po' di anni fa di lui Tullio Kezich scrisse: "Franco Mescolini, il vitellone giocatore di carte di Sabato Italiano. Se ce lo vedono a Hollywood ce lo portano via subito". Ha lavorato con registi come Gigi Proietti, Maurizio Scaparro, Ugo Gregoretti, Mario Monicelli. Da giovane ha frequentato il Dams a Bologna sebbene il padre non volesse. Mentre studiava un professore lo chiamò un gruppo teatrale e da lì è iniziata la sua carriera. Lo notarono e gli chiesero di fare un provino con dei funzionari Rai a Torino per recitare negli sceneggiati tivù. Ha vissuto per trent'anni a Roma, lavorando nel settore della tivù e della radio, non dimenticando mai la sua Cesena.

Poi c'è stato l'incontro con Roberto Benigni col quale si è trovato subito bene. Nel suo film "Il Mostro" era proprio Franco Mescolini il mostro. E anche ne "La vita è bella" aveva una particina, sebbene il suo compito più importante fosse dietro le scene, ovvero restare con il bambino quando non girava il film. L'ultimo film è stato girato qualche anno fa, "Tempo instabile con probabili schiarite" con Lillo e Greg. L'anno scorso era stato anche pubblicato un libro su di lui, edito da "Il Ponte Vecchio" scritto da Daniela Placido dal titolo "Franco Mescolini. Uomo, maestro, giullare". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento