menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesena in lutto, si è spento l'ex vicesindaco Vittorio Pieri: "Era innamorato della città"

Lascia la moglie Franca, i figli Antonella e Paolo, ed fratelli Gigi e Carlo

Si è spento all'età di 73 anni, stroncato da un male che l'ha colpito circa un anno fa, Vittorio Pieri, storico esponente dei socialisti cesenati, ex vicesindaco ed assessore regionale. Lascia la moglie Franca, i figli Antonella e Paolo, ed fratelli Gigi e Carlo. "Con Vittorio "Tolo" Pieri, se ne va un protagonista assoluto della nostra vita amministrativa e politica cittadina - esordisce il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi -. Vittorio, infatti, è stato per lunghi anni Vice Sindaco di Cesena, contribuendo a quella stagione amministrativa - gestita dalle Giunte del Sindaco Leopoldo "Gigi" Lucchi - i cui progetti ancora oggi caratterizzano in positivo la nostra comunità".

"Proprio partendo dall'esperienza vissuta a Cesena, Vittorio ebbe modo di farsi valere anche come Assessore della Regione Emilia-Romagna - continua il primo cittadino -. A lui si deve la conclusione di numerosi progetti importanti ma me, in particolare, piace ricordare l'impegno per terminare l'E45, una strada che oggi viviamo come una certezza ma che, solo pochi lustri fa, non era neppure completamente collegata. Vittorio, con la sua proverbiale grinta, ci si mise di buzzo buono e, passando Ministero per Ministero, da Bologna fece giungere finalmente a conclusione un progetto strategico per l'intero cesenate e per la Romagna che, anche grazie a questo, si trova al centro delle più importanti direttrici del traffico".

"Ma Vittorio, per tanti di noi, era anche il produttore continuo di idee, strategie, sollecitazioni, a volte avanzate con toni provocatori e burberi, ma sempre nell'ambito di una visione avanzatissima del bene per la nostra comunità - prosegue il sindaco -. Con lui era piacevolissimo discutere e confrontarsi - ed a me, per fortuna, in questi anni è capitato spesso -, nella certezza che la chiacchiera sarebbe stata piacevole ed utile, certamente inframmezzata da battute e suggerimenti. L'ultima volta mi è capitato pochi mesi fa. Chiesi ad Orazio Moretti - suo nipote amatissimo, al quale riservava una dolcezza quasi sorprendente - di poterlo incontrare per bere assieme un caffè, così come negli anni ci eravamo abituati a fare".

"Anche in quei momenti, mentre era consapevole di tutte le difficoltà di una battaglia che stava combattendo contro una malattia inesorabile, ogni tanto si fermava per volgere lo sguardo verso quella Piazza del Popolo che ha caratterizzato molta della sua vita pubblica e privata ed affermare: "Ma guarda un po' com'è bella questa piazza, non ce n'è un'altra così! Mi raccomando, datti da fare per conservarla!". Questo era Vittorio: un innamorato della nostra Cesena, sempre pronto a sognarla con lo sguardo rivolto positivamente al futuro. Ed, anche per questo, mancherà a tanto di noi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento