menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesena piange una delle sue decane: è morta a 107 anni Tina Pistocchi

Da alcuni la signora Tina si era trasferita presso la famiglia di un nipote a Monfalcone, mantenendo comunque i contatti con gli amici cesenati

Addio alla signora Annunziata Pistocchi, una delle decane della città di Cesena, morta venerdì all’età di 107 anni (li aveva compiuti pochi giorni fa) a Monfalcone, dove si era trasferita da qualche tempo  a casa di un nipote. Ma fino al 2012 Tina (così tutti la chiamavano) è stata, a dispetto delle oltre 100 primavere,  una delle più assidue e vivaci frequentatrici della sede della Croce Bianca, in contrada Dandini, dove si recava quasi quotidianamente e spesso allietava gli altri ospiti  suonando il pianoforte.

E anche i vicini di casa, che le erano molto affezionati, godevano dei  suoi piccoli concerti: da pianista professionista qual era stata, si esercitava al pianoforte praticamente ogni giorno. Ma si dilettava anche con il giardinaggio, orgogliosa della bellezza e del profumo dei suoi fiori Il suo compleanno era sempre un’occasione di grandi festeggiamenti, come conferma il sindaco Paolo Lucchi, che in più di un’occasione vi ha partecipato per fare gli auguri alla signora Tina.

“Una di quelle feste - Lucchi - fu ripresa da una troupe del Tg Rai  regionale, che poi ha trasmesso le immagini anche in altre occasioni, trasformando quasi la signora Tina in una testimonial della vitalità dei centenari.  Del resto, quello che colpiva in lei era proprio questo: i suoi occhi brillanti,  la sua grande vitalità, la mente pronta, la molteplicità di interessi. Parlando con lei quasi si dimenticava che aveva alle spalle oltre un secolo di vita, tanto era di mente aperta. Una persona davvero fuori dall’ordinario, che ricorderò sempre affettuosamente, come sono certo faranno tutti quelli che l’hanno conosciuta”.

Da alcuni la signora Tina si era trasferita presso la famiglia di un nipote a Monfalcone, mantenendo comunque i contatti con gli amici cesenati. Negli ultimi tempi le forze avevano cominciato ad abbandonarla e aveva rinunciato anche al pianoforte “perché non riusciva più a suonare bene come avrebbe voluto” come racconta una vicina di casa cesenate, che l’aveva sentita qualche mese fa. Ma fino all’ultimo ha mantenuto la prontezza di spirito che la contraddistingueva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento