Misure a sostegno delle imprese e del turismo, l'impegno del Comune di San Mauro

Sul fronte imposte comunali, l'Amministrazione prevede anzitutto di azzerare per l'anno 2020 l'imposta di soggiorno

L’Amministrazione comunale di San Mauro Pascoli adotta una serie misure concrete per dare una risposta alle imprese nell'affrontare le conseguenze dell'emergenza covid-19.

Sul fronte imposte comunali, l'Amministrazione prevede anzitutto di azzerare per l'anno 2020 l'imposta di soggiorno per andare incontro al settore turistico che si troverà sicuramente in difficoltà durante la prossima stagione estiva. “La tassa di soggiorno in tempi normali è una risorsa importante per il nostro Comune – spiega il vicesindaco Cristina Nicoletti – Parliamo di una cifra che si aggira sui 120mila euro annui. Di fatto rinunciamo quindi a registrare questa entrata nel bilancio 2020 ma con questa manovra diamo un segnale concreto a sostegno del nostro turismo, incentivando i turisti che vorranno venire in vacanza a San Mauro Mare, nonostante le difficoltà di questo periodo. Apriremo anche un tavolo di confronto con gli operatori turistici, subito dopo Pasqua, anche alla luce del nuovo decreto che dovrà uscire nei prossimi giorni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Amministrazione ha anche deciso di iniziare un percorso di riduzione delle imposte comunali, a partire dalla Tari, la cui scadenza è al 30 giugno, prevedendo una riduzione dell'importo da pagare per tutte le imprese del territorio che hanno dovuto interrompere l'attività a causa dell'emergenza. “Provvederemo a erogare un contributo per abbattere l'imposta della Tari a tutte le attività che hanno dovuto chiudere, e che risultano in regola con i pagamenti della relativa imposta nell'anno 2019 – spiega l'assessore al Bilancio Stefania Presti – Il contributo per ciascuna attività sarà fino ad un massimo del 30% dell'importo pagato nell'anno precedente. Inoltre provvederemo ad una sostanziale riduzione della tassa di occupazione suolo pubblico. Si tratta di primi provvedimento a sostegno delle nostre attività economiche: un segnale che già come Amministrazione vogliamo dare al nostro tessuto economico, un aiuto ulteriore rispetto a quanto già previsto dal Governo con il Decreto Cura Italia. Il percorso è stato avviato, come giunta intendiamo valutare e mettere in campo altre azioni concrete per aiutare le nostre imprese a ripartire a seguito di questa emergenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento