"Vivete il Natale con stupore": il messaggio di auguri del vescovo Douglas Regattieri

Il vescovo di Cesena, Douglas Regattieri, augura ai cittadini di vivere le festività "secondo tre “S”"

Vivere il Natale con stupore, silenzio e seguendo "la stella del mattino". Il vescovo di Cesena, Douglas Regattieri, augura ai cittadini di vivere le festività "secondo tre “S”". "La prima “S” è stupore - esordisce -. Ho letto da qualche parte che una volta una figura fissa del presepio ero lo stupito. Lo si poneva abitualmente nel punto più lontano del presepe, ma sempre in direzione della grotta: un piccolo uomo con la mano alla fronte a modo di visiera, che guardava la grotta tutto stupito. G. K. Chesterton ha detto che “il mondo non perirà certo per mancanza di meraviglie, ma di meraviglia”. Per vivere lo stupore dobbiamo, come dice il Vangelo, ritornare a essere come bambini (cfr Mt 18, 3). È un’operazione di cui non dobbiamo vergognarci. Solo se ritorniamo a essere bambini possiamo stupirci ancora delle cose semplici e belle che ci capitano intorno. È vero che ci sono tante cose brutte. E ne dobbiamo essere consapevoli. Ma ci sono anche cose belle. Per esempio, una di queste è proprio la notizia sempre nuova che in questi giorni ci raggiungerà, attraverso i canti, le musiche, i simboli, le luci; è l’annuncio del Natale: “È nato per voi un Salvatore” (Lc 2, 11). E possiamo chiederci: perché il presepio non ci stupisce più? Perché non ci riempie gli occhi e il cuore di gioia come una volta quando eravamo bambini? Forse perché abbiamo perso lo spirito dell’infanzia. E questo spirito, se alimentato, permane nel trascorrere del tempo e nel passare delle diverse età della vita".

"La seconda “S” è silenzio - continua Regattieri -. Dice la Bibbia che mentre un profondo silenzio avvolgeva ogni cosa, nella notte - a metà del suo corso - la Parola del Signore scese dal suo trono regale in mezzo agli uomini (cfr Sap 18, 14-15); ecco perché celebriamo la nascita di Cristo a mezzanotte. Nel silenzio Dio ha parlato. E nel silenzio l’uomo ascolta. Dice un bellissimo testo del Magistero della Chiesa: dobbiamo ammettere che abbiamo tutti “bisogno di questo silenzio carico di presenza adorata”; ne ha bisogno “la teologia, per poter valorizzare in pieno la propria anima sapienziale e spirituale”; ne ha bisogno “la preghiera, perché non dimentichi mai che vedere Dio significa scendere dal monte con un volto così raggiante da essere costretti a coprirlo con un velo (cfr. Es 34, 33) e perché le nostre assemblee sappiano fare spazio alla presenza di Dio, evitando di celebrare se stesse”. (…) Ne ha bisogno l’uomo di oggi che spesso non sa tacere per paura di incontrare se stesso, di svelarsi, di sentire il vuoto che si fa domanda di significato; l’uomo che si stordisce nel rumore. Tutti, credenti e non credenti, hanno bisogno di imparare un silenzio che permetta all’Altro di parlare, quando e come vorrà, e a noi di comprendere quella parola” (Giovanni Paolo II, Lett. ap. Orientale lumen, 16)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La terza “S” è stella - conclude -. È un altro importante simbolo natalizio. Rappresenta Gesù che la liturgia chiama ‘la stella del mattino’ perché “fa risplendere sugli uomini la sua luce serena” (Exsultet pasquale); indica anche Maria, la vergine che in questo Natale con Giuseppe ci conduce - come la stella cometa - a Gesù; ma è anche la nostra stella; si dice infatti, in gergo, seguire la propria stella! Auguro che questa stella porti ciascuno a realizzare i sogni di bene, di bellezza e di verità che dimorano nel profondo del suo cuore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Centinaia di imprese chiedono di restare aperte: la prefettura sospende le prime 184 per "attività non essenziale"

  • Coronavirus, oltre 300 contagiati nel Cesenate. In Emilia Romagna sono più di 12mila

  • Sono 740 i positivi in provincia, Cesena piange la sesta vittima del Coronavirus

Torna su
CesenaToday è in caricamento