Messe ballate e "spritz di relazione", tanti giovani in chiesa. "La liturgia un tempo era così"

Messa rock, netspritz (spritz di relazione), liturgie con proiezione di immagini: questo e altro sono i punti di forza dell'originale modo di stare accanto a Dio

Messa rock, netspritz (spritz di relazione), liturgie con proiezione di immagini: questo e altro sono i punti di forza dell'originale modo di stare accanto a Dio dell'intera Unità Pastorale che si è costituita tra le chiese di Santa Lucia, Castelvecchio e il Cesare, a Savignano (che è già sotto la diocesi di Rimini).

A fare da collante è don Pedro (don Davide Pedrosi) della parrocchia di Castelvecchio, ma i protagonisti attivi sono i giovani. I giovani che in molte altre parrocchie scarseggiano, qui accorrono, danno una mano con gioia, imparano a usare i social, a suonare gli strumenti, a fare video e concerti. "Ormai quella della Messa Rock è un'iniziativa consolidata - spiega don Pedro - La facciamo due volte l'anno: una vicino al Cristo Re, l'altra la domenica di Pentecoste. Quella primaverile, addirittura, è all'aperto, all'arena Gregorini. Il coro costituito dai ragazzi si chiama Coro Rock e anima le liturgie e le veglie con musica, canti e balli. Sembra una novità ma non è così. In origine la liturgia era così, si alzavano le braccia in alto in un preciso momento, oppure si chiudeva il pugno come noi facciamo durante il ballo del'offertorio, quando vengono portati i doni all'altare. Gesti simbolici che seguono la musicalità. Tutto questo è meno moderno di quello che può sembrare, ma riscoprirlo è molto bello e ai ragazzi piace". 

Ma qual è il suo segreto don Pedro? Perché ha così tanti ragazzi intorno a lei? "Guardi non so nemmeno quanti sono - risponde don Pedro - so che si divertono, io li lascio fare e quello che realizzano è sempre molto bello. A pensare e progettare le iniziative sono una decina di giovani che, però, hanno un'altissima capacità di coinvolgimento. Non so, forse, il segreto è delegare, lasciare esprimere gli altri?". 

Ma non solo messa rock, come detto, i ragazzi di don Pedro organizzano anche i "netspritz". Spritz, avete capito bene... Si tratta di incontri al bar di relazione in cui si beve uno spritz e, grazie all'intervento di un esperto chiamato di volta in volta, si affrontano temi come l'eutanasia, l'amore coniugale, argomenti di psicologia. "Chiediamo l'autorizzazione al titolare del bar e poi, facendoci servire dei buoni spritz, coinvolgiamo gli avventori del locale a parlare di argomenti universali". E lei, don Pedro, beve anche lei? "Certo, vuole che io non condivida un momento così importante coi miei ragazzi?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento