Mercato ortofrutticolo, gli operatori: "Noi corretti, fare chiarezza su frodi e bancarotte"

"Le aziende operano nella legalità, ma gli ultimi fatti ci preoccupano", sottolinea l'Associazione Mercato Ortofrutticolo

L'Associazione Mercato Ortofrutticolo di Cesena prende posizione dopo l'inchiesta della Guardia di Finanza che ha scosso il settore ortofrutticolo cesenate.

"In questi giorni purtroppo appaiono notizie di frodi e bancarotte di aziende del mercato ortofrutticolo di Cesena – esordiscono gli operatori del mercato – ma si vuole ribadire come queste notizie si riferiscono a singoli episodi e intendiamo sottolineare come le imprese che operano nel mercato di Cesena da decenni siano corrette e operano nel massimo rispetto della legalità come è giusto che sia".

"Però non nascondiamo la preoccupazione – continuano gli operatori – che fatti che interessano reati anche gravi siano sempre più presenti in imprese che operano nel cesenate, che è un territorio che noi continuiamo a giudicare sano, ma che evidentemente così sano non è".

"Ricordiamo che le imprese che operano nel mercato e gestiscono gli spazi sono in concessione, fino a pochi anni fa direttamente dal Comune e da qualche anno da una società  a maggioranza del Comune – continuano sempre gli operatori del mercato del mercato – e da sempre per noi questo tipo di regime lo abbiamo considerato un valido e chiaro rapporto tra imprese ed ente pubblico".

"Avere un mercato con operatori che operano nella legalità è un requisito indispensabile e fondamentale per l’andamento del mercato, che del rispetto delle leggi, della chiarezza con gli enti e con i consumatori ne fanno un punto di forza – proseguono gli operatori – ma in questa vicenda qualcosa non ha funzionato, in quanto se ad interrompere un modo di operare di qualche impresa ci deve pensare la guardia di finanza e non  gli organi preposti è una questione che il Comune, la direzione del mercato e gli altri organi preposti devono prendere in considerazione e assumere tutte i provvedimenti necessari".

"Noi pensiamo che  - concludono gli operatori - per il bene del mercato ortofrutticolo e forse per l’intera città questa sia una vicenda da non sottovalutare anche per allontanare eventuali dubbi e riaffermare che il mercato è fatto da imprese che operano nel rispetto delle norme e della legalità".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento