rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Mercati ambulanti natalizi cesenati, Fiva e Anva: "Due fiere meglio di 3: lo hanno deciso gli operatori"

Salta la data del 5 dicembre: "La prima del mese storicamente ha calamitato la minor partecipazione, quindi era più redditizio e logico concentrare sforzi, risorse e costi"

I mercati ambulanti straordinari di Natale sono storicamente un'occasione per rinsaldare il rapporto con la clientela più affezionata e con i tanti frequentatori del mercato. Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti, che rappresentano e affiancano da decenni il comparto anche  nella interlocuzione con l'amministrazione comunale, si sono orientate sempre a valorizzare nel modo più consono questi eventi tradizionalmente molto partecipati. "Nell'incontro promosso da Fiva e Anva - rimarcano il presidente e vicepresidente Fiva Alverio Andreoli e Massimo Sagginati e il presidente Anva Gabriele Fantini - abbiamo condiviso punti di forza e criticità di queste iniziative raccogliendo suggerimenti e istanze da parte degli operatori commerciali su aree pubbliche contenendo di concentrare i due mercati straordinari nelle domeniche del 12 e 19 dicembre, senza organizzare quello del 5 dicembre, sulla base di precise richieste degli operatori ambulanti, i quali hanno messo in luce che delle tre iniziative la prima del mese storicamente ha calamitato la minor partecipazione, quindi era più redditizio e logico concentrare sforzi, risorse e costi, poiché organizzare un mercato straordinario implica anche costi, per le due successive domeniche del 12 e del 19. Una decisione maturata come sempre collegialmente da parte di associazioni che sono tutt'uno con i propri associati e da oltre mezzo secolo li rappresentano con una conoscenza storica e prospettica delle situazioni".

"Una neonata associazione  - proseguono il presidente e vicepresidente Fiva Alverio Andreoli e Massimo Sagginati e il presidente Anva cesenate Gabriele Fantini - chiede  invece che venga ripristinato il mercato straordinario del 5 dicembre, e ciò non può che stupire visto che la categoria nella stragrande maggioranza ha chiesto di non svolgerla per le ragioni suddette e anche perché il primo dei tre mercati straordinari natalizi da un decennio si tratta di una criticità ricorrente che gli operatori ambulanti intendono risolvere. Ogni altro commento sulla adeguatezza e la pertinenza di questa richiesta è pertanto superfluo, dal momento che chi parla afferma di voler rappresentare i commercianti su area pubblica e poi va contro le loro esigenze e richieste. Come sempre, dal canto nostro, Fiva e Anva sono al lavoro per organizzare al meglio i due mercati straordinari, rispettando le normative anti-Covid e mettere in sicurezza il mercato e i suoi fruitori. Quello che a noi interessa è tutelare il lavoro redditizio della categoria".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercati ambulanti natalizi cesenati, Fiva e Anva: "Due fiere meglio di 3: lo hanno deciso gli operatori"

CesenaToday è in caricamento