menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Matrimoni gay, la wedding planner cesenate a New York: "Aumento delle richieste"

Anna Forlesi, wedding planner cesenate che opera a New York, che già a CesenaToday aveva illustrato la sua attività nella Grande Mela, spiegando che la città americana è meta di molte coppie omosessuali italiane che vogliono convolare a nozze legali, conferma che da quando in Italia si è sviluppato un dibattito pubblico

Sono già una decina i Comuni di grandi e medie dimensioni in Italia che stanno provvedendo, nonostante i richiami e i successivi annullamenti da parte dei prefetti alle contestate trascrizioni nei registri italiani dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero. Oltre ai casi più eclatanti di Roma e di Bologna, dove i primi cittadini sono entrati in polemica diretta con le ultime circolari del ministro dell’Interno Alfano, ci sono altre città che si stanno confrontando su questo tema, come Udine, Pistoia, Livorno, Fano, Grosseto.

Essendo al momento contrario alla legge si tratta di atti di disobbedienza civile per portare in primo piano la questione dei diritti civili individuali. Da parte sua il sindaco di Cesena Paolo Lucchi segue con attenzione gli sviluppi della vicenda nazionale: “Spero prima di tutto in un intervento legislativo, come ha promesso il premier Renzi, che dia la possibilità ai sindaci, come credo sia capitato ai sindaci di Roma o Bologna, di dare risposte a delle richieste dei loro cittadini”. Continua Lucchi, per il caso specifico di Cesena: “Un sindaco si deve prima di tutto muovere sulla base delle esigenze della sua comunità e a Cesena non sono giunte richieste di questo tipo ad ora”.

Il sindaco, inoltre, ricorda che quando si è fatto un confronto che è partito da una specifica richiesta della società, non ci sono stati problemi, per un caso molto diverso, nel cambiare le procedure dei Servizi Anagrafici: “Mi riferisco all’iniziativa, che fa di Cesena una delle città col più alto numero di donatori di organi, di sottoporre il modulo per il consenso alla donazione ai cittadini che vengono a fare documentazione negli uffici dell'Anagrafe”.

Intanto, Anna Forlesi, wedding planner cesenate che opera a New York, che già a CesenaToday aveva illustrato la sua attività nella Grande Mela, spiegando che la città americana è meta di molte coppie omosessuali italiane che vogliono convolare a nozze legali, conferma che da quando in Italia si è sviluppato un dibattito pubblico sulla trascrizione nei registri italiani dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero, “c’è stata una crescita delle richieste e di e-mail in cui si chiedono informazioni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento