Maltempo, situazione drammatica a Cesenatico, recinzioni e arredi trascinati dall'acqua

La notte ha prodotto allagamenti e danni lungo tutto il litorale compreso tra Cesenatico e San Mauro Pascoli, a causa del duplice effetto delle mareggiate, intense, che spingono verso terra, e i canali fluviali che, carichi di acque piovane

Foto tratta dal Gruppo Fb "Sei di Cesenatico se.."

Continua l’ondata di maltempo che imperversa su tutto il Centro – Nord del Paese. La notte ha prodotto allagamenti e danni lungo tutto il litorale compreso tra Cesenatico e San Mauro Pascoli, a causa del duplice effetto delle mareggiate, intense, che spingono verso terra, e i canali fluviali che, carichi di acque piovane provenienti dall’entroterra, faticano a defluire verso il mare ostacolati da maree e vento forte. La chiusura delle Porte vinciane, disposta dal sindaco nei giorni scorsi, e l’azione di monitoraggio costante dei flussi d’acqua, ha consentito di risparmiare l’ambito portuale, con le abitazioni e gli esercizi commerciali del centro storico.

Non sono state risparmiate, invece, le strutture in concessione presenti lungo le banchine portuali a valle delle porte Vinciane, che hanno subito evidenti danneggiamenti, sotto l’azione dell’acqua, in più punti alta fino a 20 cm. Il personale dell’Ufficio circondariale marittimo continuerà a monitorare lo stato della fascia costiera e degli ambiti portuali, ricordando all’utenza di non esitare a chiamare soccorso, in caso di necessità, anche ai propri centralini. Il comandante dell’ufficio lancia un appello alla massima prudenza e sicurezza, soprattutto nelle zone maggiormente esposte alle mareggiate: al riguardo è stata emanata una apposita ordinanza che vieta l’accesso ed il transito a qualsiasi pedone o veicolo nelle banchine di Ponente e di Levante, nel tratto compreso tra le Porte Vinciane e le costruzioni esterne, in quanto particolarmente pericoloso; le onde in tali spazi, infatti, arrivano a coprire completamente la banchina, giungendo con una intensità ed una forza tale che riescono – come accaduto - a trascinare in mare persino arredi o recinzioni delle strutture che insistono su quell’area.

L’appello è rivolto ai concessionari di tali zone che potrebbero essere tentati a mettere in salvo tavoli o arredi dei propri ristoranti o capanni da pesca: la priorità, anche in casi spiacevoli come la perdita di beni e strutture, resta la sicurezza delle persone. Ma l’appello va anche, purtroppo, ai tanti curiosi che, incoscientemente, si affannano a raggiungere le posizioni più estreme per scattare una foto o per ammirare più da vicino l’effetto del mare in burrasca: “A tutti loro si ricorda che eventuali simili imprudenze, oltre ad essere sanzionabili con multe assai salate, mettono a repentaglio la propria incolumità, e quella di chi dovesse esser chiamato, per dovere, ad intervenire per i conseguenti soccorsi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento