Maltempo dicembre-marzo, riconosciuto dal Governo lo stato d'emergenza: al via gli interventi

Con la delibera approvata dal Governo il 30 giugno, all'Emilia-Romagna vengono assegnati 9 milioni e 700 mila euro per far fronte agli interventi di somma urgenza

Via libera dal Consiglio dei Ministri al riconoscimento dello stato d’emergenza per le province di Forlì-Cesena e Rimini, colpite tra dicembre 2013 e marzo 2014 da eccezionali avversità atmosferiche. Con la delibera approvata dal Governo lunedì scorso, all’Emilia-Romagna vengono assegnati 9 milioni e 700 mila euro per far fronte agli interventi di somma urgenza. “Le nostre richieste sono state ascoltate - afferma l’assessore regionale alla Difesa del suolo Paola Gazzolo -. Si tratta di una risposta molto importante per un territorio così duramente colpito, nel tempo, da gravi calamità. Siamo molto soddisfatti della rapidità con cui il provvedimento è stato assunto”.

La dichiarazione dello stato d’emergenza giunge infatti a pochi giorni di distanza dalla conversione in legge del decreto 74/2014, che ha rifinanziato il Fondo per le emergenze nazionali con 100 milioni di euro. “È un provvedimento molto atteso - aggiunge Gazzolo -: i fondi  messi a disposizione dell’Emilia-Romagna saranno impiegati per realizzare opere di somma urgenza per la sicurezza del territorio e delle popolazioni. Ora, assieme agli Enti locali, individueremo le priorità su cui agire immediatamente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo scopo nei prossimi giorni il capo del Dipartimento della Protezione civile, d’intesa con il presidente della Regione, emetterà un’ordinanza per consentire la definizione del piano degli interventi e la ricognizione dei danni a beni pubblici, privati e attività produttive. “Si tratta - conclude l’assessore - dell’ultimo passo necessario per il riconoscimento di ulteriori risorse da parte del Governo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento