Maltempo, buche e problemi alle strade: arrivano in provincia 173mila euro

 Approvata la prima parte del Piano degli interventi, finanziato dal Governo, dopo la firma del presidente Stefano Bonaccini al decreto.

Strade, frane e arginature, corsi d’acqua, servizi pubblici e assistenza alla popolazione. Via libera a 7 milioni e 881 euro per cantieri di messa in sicurezza e per interventi di ripristino di viabilità e infrastrutture pubbliche nei territori di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Forlì-Cesena, le sei province duramente colpite dall’8 al 12 dicembre 2017 dall’eccezionale ondata di maltempo per cui, la Regione, ha immediatamente chiesto e ottenuto la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.  Approvata la prima parte del Piano degli interventi, finanziato dal Governo, dopo la firma del presidente Stefano Bonaccini al decreto.

I finanziamenti, che si aggiungono ai 2 milioni di euro stanziati dalla Regione all’indomani degli episodi di maltempo, serviranno per realizzare un pacchetto di 177 interventi urgenti e necessari al ripristino di tratti stradali con rimozione di alberi, rami, detriti, per la messa in sicurezza di marciapiedi, il ripristino di edifici e illuminazione pubblici, per prima sistemazione di smottamenti e frane e arginature oltre alla realizzazione di interventi di assistenza alla popolazione. In particolare, nel territorio della provincia di Forlì-Cesena gli interventi finanziati sono 13 per un importo pari a 173.218 euro.

“Il Piano dà una prima risposta alle criticità di un territorio che nel corso della stagione invernale ha subito duramente le conseguenze del maltempo- afferma Paola Gazzolo, assessore regionale alla sicurezza del territorio-. Il Dipartimento nazionale di protezione civile ci ha autorizzato nei giorni scorsi ad investire una prima parte dei 10 milioni stanziati dal Governo a fine dicembre e subito il presidente Bonaccini, con un decreto, ha assicurato operatività ai relativi interventi. Il quadro si completerà con i nuovi finanziamenti richiesti per fronteggiare gli aggravamenti causati dalle nevicate e dalle piogge cadute senza sosta per circa 40 giorni tra febbraio e marzo: la Regione ha presentato lo scorso 20 marzo la richiesta dello stato di emergenza nazionale, che ci auguriamo venga accolta al più presto”.

Gli interventi in provincia di Forlì-Cesena
Degli interventi, 12 coinvolgono i Comuni di Bagno di Romagna (56.811 euro), Castrocaro Terme e Terra del Sole (10mila euro), Galeata (5mila euro), Modigliana (8mila euro), Portico e San Benedetto (2 interventi da 12mila euro totali), Predappio (14.344 euro), Santa Sofia (6mila euro), Sarsina (14.103 euro), Tredozio (9.760 euro), Verghereto (2 interventi da 4.200 euro complessivi). Taglio e rimozione di alberi pericolanti per tornare a condizioni di sicurezza nella viabilità, ripristino di coperture di edifici scolastici, dell’illuminazione pubblica, di muri crollati: queste le tipologie di lavori finanziati. 
Inoltre la Provincia di Forlì-Cesena è il soggetto attuatore di un intervento da 33mila euro che interessa più Comuni di attraversamento - Civitella, Portico-San Benedetto, Premilcuore, Tredozio, Santa Sofia - di diverse strade provinciali (SP 76, SP 55, SP 3, SP 22, SP 34, SP 86, SP 4, SP 77, SP 95, SP 96, SP 112, SP 127) dove le condizioni di sicurezza sono state ripristinate eliminando vegetazione e alberi caduti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento